Rolling Stones. Con “On Air” continua il viaggio alla riscoperta delle radici

91
0
Rolling Stones
@Lead Press Shot/Universal

Appena inizia l’ascolto del “nuovo” album dei Rolling Stones si viene scaraventati nei magnifici Sixties. Nonostante l’uso dello streaming e delle più moderne tecnologie, i suoni sono grezzi, spesso ovattati. Oggi, tanto per rendere l’idea, persino la demo dell’ultimo dei gruppetti  sarebbe realizzata meglio sotto l’aspetto tecnico. Il problema è che quell’ipotetica demo non regalerebbe nemmeno un briciolo delle emozioni che scaturiscono da questo album “sporco e cattivo”, fantastico documento del periodo seminale della band di Mick Jagger, Keith Richards & co.

@Getty Images/Universal

Il disco, ormai è cosa nota, si intitola On Air perché contiene la bellezza di 32 brani (8 dei quali finora mai pubblicati in lavori ufficiali), registrati per quelli che all’epoca erano i più importanti programmi radiofonici della BBC. A differenza di oggi, periodo nel quale il termine “heavy rotation” ha sostituito la locuzione “buona musica”, allora si cercava di offrire all’ascoltatore qualcosa di diverso ad ogni occasione. Ecco perché negli archivi c’era tutto quel materiale, in alcuni casi vere e proprie gemme che ora, grazie a un lungo lavoro di pulizia e “ricostruzione”, possiamo ascoltare addirittura meglio rispetto all’originale.

La cosa è stata resa possibile applicando un sistema chiamato De-Mix, progettato dallo staff dei mitici Abbey Road Studios. Grazie a questa tecnica, si possono destrutturare registrazioni fatte su un solo canale (mono recording) o registrazioni multitraccia che non è più possibile separare con i sistemi tradizionali, e poi ricostruire il tutto intervenendo sul bilanciamento e sul livello degli strumenti e delle voci di ogni traccia, riequalizzando e re-missando il tutto.

Intervenendo al telefono dagli Abbey Road Studios, il sound engineer James Clarke e il fonico Lewis Jones hanno spiegato che si è trattato di un lavoro durato diversi mesi, anche perché hanno dovuto trattare ogni traccia in modo differente. Non è stato aggiunto nulla, ma hanno semplicemente ripulito il suono originale.

Rolling Stones
@Getty Images/Universal

Ma torniamo ai contenuti artistici. Sotto un certo aspetto questo album è la continuazione del lavoro che i Rolling Stones hanno iniziato a fare con Blue & Lonesome, cioè la riscoperta delle radici. Se quel disco era un tributo alla 12 battute, questo è più vario, ma gli omaggi alla musica nera, al blues in particolare, sono parecchi. Del resto che questi cinque “ragazzini” vivessero una specie di attrazione fatale per il blues del Delta e di Chicago mica è un segreto.

C’è un aneddoto che vale la pena raccontare: verso la fine del 1961, Mick Jagger cadde durante una lezione di ginnastica ferendosi la lingua. Sia lui, sia i suoi genitori erano convinti che non avrebbe più potuto cantare. Invece successe che la sua voce, proprio grazie a quell’incidente, sarebbe diventata molto più nera, molto più blues. Questo gli permise di far suo con ancora più convinzione il repertorio dei suoi idoli, da Chuck Berry a Muddy Waters, da Jimmy Reed a Willie Dixon a Bo Diddley, tutti rappresentati in questo album.

Ma c’è anche altro. Ci sono per esempio proposte più vicine allo spirito live che non alle versioni registrate in studio che conosciamo tutti di composizioni della giovane coppia Jagger-Richards, da (I Can’t Get No) Satisfaction a The Last Time a The Spider and the Fly. Riascoltare oggi, oltre mezzo secolo più tardi, queste registrazioni equivale ad essere catapultati nell’atmosfera elettrizzante della cosiddetta Swingin’ London. Magari qui e là c’è qualche ingenuità, ma cosa importa: qui si parla di storia, mica di pinzillachere.

Rolling Stones
Rolling Stones All’Ed Sullivan Show (Photo by CBS via Getty Images/Universal)

On Air esce il 1° dicembre. La formazione dei Rolling Stones all’epoca comprendeva Brian Jones, Keith Richards, Bill Wyman, Mick Jagger e Charlie Watts. Qui di seguito la copertina della deluxe edition (di colore giallo)
Rolling StonesEd ecco la tracklist completa con, nell’ordine, titolo, autore, giorno della registrazione, titolo della trasmissione e mese di messa in onda. I brani contrassegnati con tre asterischi dopo il titolo non erano mai usciti prima d’ora su una pubblicazione ufficiale

1Come OnChuck Berry23 September 1963, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonSaturday Club 26 October 1963
2(I Can’t Get No) SatisfactionMick Jagger & Keith Richards20 August 1965, BBC Broadcasting House, Portland Place, LondonSaturday Club 18 September 1965
3 ***Roll Over BeethovenChuck Berry23 September 1963, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonSaturday Club 26 October 1963
4The Spider And The FlyMick Jagger and Keith Richards20 August 1965, BBC Broadcasting House, Portland Place, LondonYeah Yeah 30 August 1965
5***Cops And RobbersElias McDaniel19 March 1964, Camden Theatre, Camden High Street, LondonBlues In Rhythm 9 May 1964
6It’s All Over NowBooby Womack and Shirley Womack17 July 1964,  Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonThe Joe Loss Pop Show 17 July 1964
7Route 66Bobby Troup19 March 1964, Camden Theatre, Camden High Street, LondonBlues In Rhythm 9 May 1964
8***Memphis TennesseeChuck Berry23 September 1963, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonSaturday Club 26 October 1963
9Down The Road A PieceDon Raye1 March 1965, BBC Broadcasting House, Portland Place, LondonTop Gear 6 March  1965
10The Last TimeMick Jagger and Keith Richards1 March 1965, BBC Broadcasting House, Portland Place, LondonTop Gear 6 March  1965
11Cry To MeBert Berns20 August 1965, BBC Broadcasting House, Portland Place, LondonSaturday Club 18 September 1965
12Mercy MercyDon Covay and Ronald Miller20 August 1965, BBC Broadcasting House, Portland Place, LondonYeah Yeah 30 August 1965
13Oh Baby (We Got A Good Thing Going)Barbara Lynn Ozen20 August 1965, BBC Broadcasting House, Portland Place, LondonSaturday Club 18 September 1965
14Around and AroundChuck Berry17 July 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonTop Gear 23 July 1964
15***Hi Heel SneakersRobert Higginbotham13 April 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonSaturday Club 18 April 1964
16***Fannie MaeBuster Brown, Clarence Lewis and Bobby Robinson20 August 1965, BBC Broadcasting House, Portland Place, LondonSaturday Club 18 September 1965
17You Better Move OnArthur Alexander Jr.19 March 1964, Camden Theatre, Camden High Street, LondonBlues In Rhythm 9 May 1964
18MonaElias McDaniel19 March 1964, Camden Theatre, Camden High Street, LondonBlues In Rhythm 9 May 1964
BONUS
DISC
1I Wanna Be Your ManJohn Lennon and Paul McCartney3 February 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonSaturday Club 8 February 1964
2CarolChuck Berry13 April 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonSaturday Club 18 April 1964
3I’m Moving OnHank Snow10 April 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonThe Joe Loss Pop Show 10 April, 1964
4If You Need MeWilson Pickett, Sonny Sanders and Robert Bateman17 July 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonThe Joe Loss Pop Show 17 July 1964
5Walking The DogRufus Thomas3 February 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonSaturday Club 8 February 1964
6Confessin’ The BluesJay McShann and Walter Brown17 July 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonThe Joe Loss Pop Show 17 July 1964
7Everybody Needs Somebody To LoveSolomon Burke, Bert Berns and Gery Wexler1 March 1965, BBC Broadcasting House, Portland Place, LondonTop Gear 6 March  1965
8Little By LittleNanker Phelge and Phil Spector10 April 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonThe Joe Loss Pop Show 10 April, 1964
9***Ain’t That Loving You BabyJimmy Reed8 October 1964,  Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonRhythm And Blues (BBC World Service) 31 October 1964
10***Beautiful DelilahChuck Berry13 April 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonSaturday Club 18 April, 1964
11Crackin’ Up***Elias McDaniel17 July 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonTop Gear 23 July 1964
12I Can’t Be SatisfiedMuddy Waters17 July 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonTop Gear 23 July, 1964
13I Just Want To Make Love To YouWillie Dixon13 April 1964, Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonSaturday Club 18 April, 1964
142120 South Michigan AvenueNanker Phelge8 October 1964,  Playhouse Theatre, Charing Cross Road, LondonRhythm And Blues (BBC World Service) 31 October 1964

Chiudiamo con l’immagine di copertina della standard edition (di colore arancio)

Rolling Stones

CONDIVIDI

Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino). Ultimo libro uscito: “Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here