Calano i lettori di libri in Italia

58
0
libri

Stando ai dati diffusi dall’Istat, leggiamo sempre meno libri. Il che non è certo un bel segnale. Secondo l’indagine dell’Istituto Nazionale di Statistica, nel 2016 (ultimi dati disponibili) chi dichiara di aver letto almeno un libro nel corso dell’anno è soltanto il 40,5% della popolazione con più di 6 anni, in calo rispetto al 42% dell’anno precedente. Unico dato che consola un po’, il fatto che rispetto a tutte le altre classi di età quelli che leggono di più sono i giovani tra gli 11 e i 14 anni (51,1%).
L’effetto della familiarità – spiega l’Istat – è forte nell’abitudine alla lettura: legge libri il 66,9% dei ragazzi tra i 6 e i 18 anni con entrambi i genitori lettori, contro il 30,8% tra i figli di genitori che non leggono libri. La diffusione dei lettori risente in misura significativa del livello di istruzione: legge il 73,6% dei laureati, ma solo il 48,9% fra chi ha un diploma di scuola media superiore. E ovviamente, più cala il livello di istruzione, più questa percentuale scivola verso il basso.
Nel 2016 la produzione i libri è tornata a crescere, facendo registrare un’inversione di tendenza rispetto ai due anni precedenti. Sono stati censiti circa 1.500 editori attivi (quasi 100 in più rispetto al 2015), che complessivamente hanno pubblicato 61.188 titoli e hanno stampato quasi 129 milioni di copie. Il nostro è un mercato composto soprattutto da piccoli e piccolissimi editori: oltre l’86% pubblicano meno di 50 titoli all’anno. E di questi oltre la metà non arriva a 10 titoli.
Il 37% degli editori ha sede in Lombardia (20%) o nel Lazio (17%), con una concentrazione a Milano e Roma.
In crescita il mercato digitale: più di un libro su tre (circa 22 mila titoli) è ormai disponibile anche in formato e-book, quota che sale al 53,3% per i libri scolastici.

CONDIVIDI

Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è “spettacolo” (appunto).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here