Cosmo è l’artista del mese di gennaio su Spettakolo

106
0
Cosmo

Per il primo mese del 2018 abbiamo deciso di puntare come “artista del mese” su un nome emergente, che però ha tutti i numeri per crescere ancora, sia sotto l’aspetto artistico, sia sotto quello della popolarità. All’anagrafe è registrato come Marco Jacopo Bianchi, ma si sta facendo conoscere con lo pseudonimo di Cosmo. È un 35enne di Ivrea che bazzica la musica da oltre tre lustri: nel 2002 ha fondato i Drink To Me, band che si è fatta un piccolo seguito nell’underground grazie alla pubblicazione di quattro album.
Dieci anni più tardi decide di proseguire da solo, inizialmente pubblicando alcune cover di Franco Battiato e Lucio Battisti sul web, e un anno dopo incidendo un album tutto suo, Disordine, pubblicato da un’etichetta indipendente, la 42 Records. Il disco non passa inosservato, infatti viene inserito nella cinquina dei finalisti del Premio Tenco nella categoria “Opera prima di cantautore”.
Nel 2016 pubblica il secondo album, L’ultima festa e, grazie soprattutto al singolo omonimo (oltre tre milioni e mezzo di visualizzazioni su YouTube) e a una canzone intitolata Le voci, comincia ad avere una piccola platea di fan affezionati che lo apprezzano e lo sostengono. Ma è nel 2017, grazie al successo radiofonico Sei la mia città, che le sue quotazioni aumentano ulteriormente: ora riesce a riempire i club (durante l’anno fa circa 90 concerti) e diventa uno dei nomi emergenti di cui si parla di più.
Adesso Cosmo è pronto per il grande salto: anticipato dal singolo Turbo, uscito a fine novembre, il 12 gennaio pubblicherà il terzo album, intitolato Cosmotronic. Lui si prepara all’uscita facendo circolare messaggi sui suoi social (l’ultimo: «La dance in Italia ha la sua bella storia ma è sempre stata appannaggio dei tamarri. Le cose finalmente stanno cambiando»).
CosmoMa soprattutto ha intenzione di sostenere il lancio del nuovo album con quello che gli riesce meglio, l’attività live. A febbraio farà un tour “di riscaldamento” nei club europei: 21 a La Boule Noire di Parigi, 22 al Gudde Wellen in Lussemburgo, 23 al VK di Bruxelles, 25 al Birthdays di Londra, 27 al Berghain Cantine di Berlino, 1° marzo allo Studio Foce di Lugano.
Seguirà lungo tour italiano, le cui prime date annunciate sono: 17 marzo al Link di Bologna, 23 al Tenax di Firenze, 24 al Fabrique di Milano, 30 all’OGR di Torino, 6 aprile all’Atlantico di Roma, 7 al Duel Beat di Napoli, 14 al Rivolta di Marghera, 21 al Demodé di Bari.
Prima di concludere, vorremmo far notare una singolare coincidenza: artista del mese di dicembre era Jovanotti, quello di gennaio Cosmo. Ebbene, i due si conoscono e tra loro c’è stima reciproca. Nel recente passato ci sono stati diversi “incontri ravvicinati”. Lo scorso marzo, per esempio, in occasione dei festeggiamenti per il decennale della sua etichetta, la 42 Records, Cosmo cantò una cover del L’ombelico del mondo. Lo scorso 9 dicembre, invece, è stato uno degli ospiti del Jova Pop Shop, il temporary shop che Lorenzo ha aperto per un paio di settimane a Milano: Cosmo ha intrattenuto il pubblico con un Dj set…
Stay tuned, come si dice in questi casi, perché durante tutto il mese di gennaio ci occuperemo di Cosmo a più riprese.
Cosmo

CONDIVIDI

Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è “spettacolo” (appunto).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here