Addio a Ray Thomas dei Moody Blues

0
Ray Thomas

Ray Thomas se ne è andato all’età di 76 anni. Da molto tempo lottava contro il cancro. Thomas è morto giovedì scorso, ma la notizia è stata diffusa soltanto oggi. Negli anni Sessanta era stato tra i fondatori dei Moody Blues, di cui fino al 2002 era stato flautista e cantante. La band nel primo periodo della sua esistenza era tra i maggiori esponenti del rock psichedelico, mentre in una seconda fase aveva virato verso il prog rock, diffondendo l’uso del mellotron, uno strumento all’epoca poco noto.
Il loro maggiore successo resta un brano inciso nel 1967, Nights in White Satin, molto famoso anche in Italia sia nella versione originale, sia nella versione in italiano, Ho difeso il mio amore, portata al successo da Nomadi con la splendida interpretazione di Augusto Daolio. Quel brano faceva parte dell’album Days of Future Passed, pubblicato appunto nel 1967 e considerato uno dei lavori seminali del prog: grazie ad esso lo scorso dicembre i Moody Blues hanno vinto le votazioni per l’inserimento nel 2018 nella Rock and Roll Hall of Fame, la cui cerimonia ufficiale avrà luogo sabato 14 aprile a Cleveland (per la cronaca, gli altri ammessi quest’anno sono i Bon Jovi, The Cars, Dire Straits, Nina Simone e Sister Rosetta Tharpe).

CONDIVIDI
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here