Benedetta follia

Verdone affronta il mondo nuovo, le donne, le app da cellulare per appuntamenti

0

Benedetta follia
di Carlo Verdone
con Carlo Verdone, Ilenia Pastorelli, Maria Pia Calzone, Lucrezia Lante Della Rovere, Paola Minaccioni.
Voto 6 e 1/2

Verdone lavora in un negozio di oggetti per religiosi (a stretto contatto con il Vaticano) e ricorda vagamente gli ossessivi di Bianco rosso e verdone: mollato dalla moglie che si è scoperta lesbica dopo decenni di matrimonio, viene aiutato da una commessa di periferia svampita a scoprire la parte di sè che ancora voleva divertirsi. Come? Con appuntamenti via app da cellulare. Il primo appuntamento è un’alcolizzata, il secondo un’ipocondriaca, il terzo, visto che il cellulare ha la vibrazione, una che si soddisfa con una chiamata in pubblico al ristorante: scena -ardita e divertita- di congiunzione tra la commedia all’italiana pecoreccia e  nuove tecnologie. Verdone invecchia e si svecchia. Questo sua Benedetta follia è un film su un uomo che scopre un mondo nuovo a cui si sente inadeguato e insieme un film che cerca sangue nuovo: gli sceneggiatori Nicola Guaglianone e Menotti (quelli di Lo chiamavano Jeeg Robot, ma anche Indivisibili, il prossimo Sono tornato) e l’attrice Ilenia Pastorelli. All’inizio è un film veloce, al centro ha un curioso musical psichedelico con riconosciuti debiti a Il grande Lebowski, poi si normalizza. Qualcosa è cambiato, qualcosa no.

CONDIVIDI
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here