Le donne secondo Allen

Dal 20 gennaio al Cinema Spazio Oberdan 13 tipi di donna raccontate da Woody

0

Dal 20 al 31 gennaio 2018 al Cinema Spazio Oberdan Milano tredici film che hanno come protagoniste donne timide, aggressive, intellettuali, candide e sfrontate, presenze essenziali della formidabile commedia umana raccontata dal grande regista americano

È il 1970 quando Diane Keaton recita nella commedia teatrale Provaci ancora Sam diretta da Woody Allen che poi sarà trasformata in un film tra i più celebri del regista newyorkese. È l’inizio di un sodalizio professionale lungo otto film e di una relazione sentimentale durata diversi anni. Dopo Il dormiglione, 1973 e Amore e guerra, 1975, la Keaton è l’affascinante Annie Hall in Io e Annie (domenica 21 gennaio ore 14,30), 1977, rapporto complicato tra un attore comico di origini ebree e una ragazza carina, ma un po’ svitata di famiglia benestante che sfoggia abiti stravaganti. Woody Allen e la sua musa saranno ancora insieme nel mitico Manhattan (mercoledì 24 ore 21, 15), 1979, una dichiarazione di amore del regista per New York, “la città che sarà sempre sua” e nel ’93 per Misterioso omicidio a Manhattan (sabato 27 ore 19), un’elegante e umoristica commedia gialla.  Nel 1980 sul set di Una commedia sexy in una notte di mezza estate (sabato 20 ore 15), per Woody ha inizio una nuova storia sentimentale e professionale, quella con Mia Farrow, un rapporto durato dodici anni conclusosi con una feroce battaglia legale non ancora terminata e molto seguita dalla stampa scandalistica. Con Mia girerà Broadway Danny Rose (domenica 28 ore 21), 1984, divertente vicenda di un piccolo grande agente teatrale newyoerkese; La rosa purpurea del Cairo (lunedì 29 ore 17), 1985, ritratto malinconico e poetico di Cecilia, una moglie frustrata che trova conforto davanti al grande schermo nel buio di una sala cinematografica; Hanna e le sue sorelle (sabato 27 ore 15), 1986, tre sorelle di Manhattan alla ricerca della loro strada; Alice (28 ore 15), 1990, storia di una donna tradita dal marito che ritrova la serenità nell’incontro con uno strano mago cinese. Le altre donne più significative presenti nel cinema di Woody Allen sono la bella Cate Blanchett di Blue Jasmine (28 gennaio ore 17), 2013, signora mondana ed elegante di New York trasferitasi nel piccolo appartamento della sorella adottiva Ginger a San Francisco in seguito al tracollo della sua condizione finanziaria; Mira Sorvino, la divertente porno diva Linda in La dea dell’amore (martedì 30 ore 17), 1995; Eva Rachel Wood nei panni di Melodie, una ragazza del Mississippi a New York di Basta che funzione (domenica 21 gennaio ore 18), 2009. Tra i personaggi femminili firmati dal regista spicca anche Emma Stone, la giovane e veggente Sophie, in realtà una ciarlatana, di Magic in the Moonlight (lunedì 22 ore 21,15), 2014 e Kate Winslet, un’ex attrice che fa la cameriera nella Coney Island degli anni Cinquanta in La ruota delle meraviglie (31 gennaio ore 21,15), 2017.

CONDIVIDI
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here