Addio ad Enrico Ciacci, fratello di Little Tony

0
Enrico Ciacci

Forse se uno dice Enrico Ciacci non tutti sanno chi era. Ma se uno aggiunge “il fratello di Little Tony”, ecco che come per magia tutti scoprono che lo conoscevano. Stiamo usando il passato, perché Enrico Ciacci è morto oggi all’ospedale Gemelli di Roma. Aveva 75 anni. Gli addetti ai lavori, sanno bene che oltre ad essere “il fratello di Little Tony”, assieme al quale praticamente ha suonato per tutta la vita, era un bravo chitarrista e un apprezzato compositore.
Fu proprio Enrico a far conoscere e amare il rock and roll a Tony. Collaborò anche alla stesura di alcuni successi datati anni Sessanta come Quando vedrai la mia ragazza e Il ragazzo col ciuffo.
Oltre ad aver sempre accompagnato il fratello sui palchi in giro per il mondo, Enrico ha suonato anche con Bobby Solo. La sua chitarra è presente anche nella colonna sonora del film Per un pugno di dollari di Ennio Morricone.
Aveva raccontato durante un’intervista: «Nel 1962 iniziai a far parte dei “turnisti” alla Rca ed ebbi la fortuna di essere chiamato da Ennio Morricone, non ancora famoso, per gli arrangiamenti di Andavo a 100 all’ora, un brano che dette il via alla popolarità di Gianni Morandi. Alla Rca rimasi per ben 29 anni, dove prestai la mia attività e le mie doti, che si andavano sempre più affinando, con grandi nomi di direttori d’orchestra. Per  fare qualche nome, cito Bacalov, Nino Rota, Armando Trovajoli, Riz Ortolani, Carlo Savina, e Jerry Goldsmith. Con Guido e Maurizio De Angelis ho avuto l’opportunità di suonare nello sceneggiato TV Sandokan, dove la mia chitarra venne apprezzata dal pubblico e dalla critica. La mia soddisfazione discografica più importante fu  nel 1964  con il brano Quando vedrai la mia  ragazza,  testo di Gino Paoli e musica mia: tre milioni e mezzo di copie vendute tra Little Tony e Gene Pitney».

CONDIVIDI
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here