Dal palco di Sanremo all’Arena del Sole. Lo Stato Sociale debutta a teatro

0
stato sociale

Debutterà domani, sabato 17 marzo in prima assoluta all’Arena del Sole di Bologna Il giardino dei ciliegi. Trent’anni di felicità in comodato d’uso, rielaborazione dela dramma di  Anton Čhecov della compagnia bolognese Kepler-452, in collaborazione con Lo Stato Sociale.

Lo spettacolo nasce dall’incontro tra i componenti della compagnia teatrale (Nicola Borghesi, Paola Aiello ed Enrico Baraldi), Lo Stato Sociale (Lodovico Guenzi e Alberto Guidetti) e due personaggi “immaginari” realmente esistenti, Giuliano e Annalisa Bianchi, ossia Ljuba e Gaev.

Nel dramma, Anton Čhecov immagina la scomparsa di un luogo magico, profondamente impregnato delle vite di chi lo abita, che in questa rilettura diventa la casa di Giuliano e Annalisa Bianchi, che per trent’anni hanno vissuto in una casa concessa in comodato d’uso gratuito dal Comune nella periferia di Bologna.  «I due coniugi – spiega la compagnia teatrale – si sono occupati di due attività principali: il controllo della popolazione dei piccioni e l’accoglienza di animali esotici o pericolosi fino a che nel 2015 non ricevono un avviso di sfratto a causa dell’apertura di un nuovo parco divertimenti di fronte al loro giardino».

La collaborazione fra la compagnia teatrale e Lo Stato Sociale è frutto dell’amicizia di lunga data fra Lodovico Guenzi, Alberto Guidetti e Nicola Borghesi ma soprattutto della voglia dei ragazzi di essere sempre liberi di dedicarsi a ciò che realmente gli appassiona. Inoltre, come dice scherzosamente Lodovico, drammaturgo diplomato all’accademia Nico Pepe di Udine «è un modo per tornare a fare il proprio vero mestiere dopo una bella vacanza».

«In queste settimane non sono andato molto in tv, non sono stato a delle sfilate, a delle feste, a delle inaugurazioni – spiega – Non ho fatto il giro delle radio e quel poco che ho fatto l’ho incastrato dormendo in treno o non dormendo proprio. In queste settimane, mentre fuori esplodeva la canzone che ci sta cambiando la vita, sono rimasto chiuso nel teatro della mia città, vedendo ogni giorno le stesse sette facce. Il motivo, soprattutto adesso, resta legato a queste trecento poltroncine, a questo palco squintato, a due signori di sessant’anni cui hanno tolto una casa e un giardino e regalato una seconda famiglia. Resta legato al non smettere di chiedermi dove sono, dove voglio andare e dove ho sbagliato. A non smettere di combattere col sorriso un mondo serio o che sorride di circostanza».

Il giardino dei ciliegi. Trent’anni di felicità in comodato d’uso andrà in scena dal 17 al 30 marzo all’Arena del Sole, in via Indipendenza 44 a Bologna. Gli spettacoli saranno da martedì a venerdì alle 20:30, il sabato alle 20 e la domenica alle 16:30.

CONDIVIDI
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here