Weekend al cinema, il nostro consiglio è di sognare la Florida

0
Willem Dafoe

Escono tantissimi film in questo fine settimana, molti dei quali con poca o nessuna promozione. Tante scommesse, insomma, ma c’è anche qualche pellicola sulla quale si può puntare ad occhi chiusi.

E’ il caso, ad esempio, di Un sogno chiamato Florida di Sean Baker, con un grande Willem Dafoe, candidato all’Oscar come miglior attore non protagonista. L’attore americano interpreta il manager di un condominio dove vivono una giovane donna, spesso in bilico tra legalità e crimine, e la sua bambina. Intorno si muovono alcuni piccoli amici capaci di trasformare le vacanze estive in un’avventura, nonostante la degradata periferia di Orlando nella quale si trovano a trascorrere il loro tempo.

Hostiles – Ostili di Scoot Cooper ha partecipato ai festival di Telluride e Toronto ed ha aperto l’ultima Festa del Cinema di Roma. Ambientato alla fine del XIX secolo, racconta la storia di un capitano dell’esercito che accetta di accompagnare un capo guerriero Cheyenne e la sua famiglia presso la terra natia. Lungo il percorso incontreranno anche una giovane vedova. Gli attori principali sono Christian Bale e Rosamund Pike.

Una festa esagerata! di Vincenzo Salemme è il dodicesimo film del regista napoletano, ovviamente anche attore principale della commedia. Una coppia decide di organizzare una grande festa per il 18° compleanno della figlia. Tutto sembra filare per il verso giusto, fino a quando arriva la notizia della morte di un anziano che viveva nell’appartamento di sotto. La festa può continuare con un morto sotto casa? Nel cast ci sono anche Tosca D’Aquino, Francesco Paolantoni, Iaia Forte e perfino James Senese.

Peter Rabbit di Will Gluck è un film a tecnica mista, che mescola animazione ed attori in carne ed ossa. Al centro della storia c’è la rivalità tra un coniglio ed un uomo, entrambi intenzionati a conquistare l’affascinante vicina di casa. Il film è l’adattamento per il grande schermo della serie televisiva Peter Coniglio.

Il sole a mezzanotte – Midnight Sun di Scott Speer si inserisce in un filone che negli ultimi anni ha preso sempre più piede: quello delle storie d’amore tra giovanissimi, condizionate da una malattia. In questo caso la protagonista è una ragazza di 17 anni costretta a vivere al buio. Le farà scoprire l’amore un adolescente che, da bambino, la osservava sempre dalla finestra.

Escono anche  Foxtrot – La danza del destino di Samuel Maoz, Insyriated di Philippe Van Leeuw, Pacific Rim: La rivolta di Steven S. DeKnight, Petit Paysan di Hubert Charuel e Sotto il segno della vittoria di Modestino Di Nenna.

CONDIVIDI
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here