Federico Poggipollini. 50 anni festeggiati a suon di musica

0
Foto di Jarno Iotti

Tra tutte le forme d’arte di questo mondo la musica è senza ombra di dubbio quella che riesce a dare un maggior spirito di aggregazione. Basta una chitarra sulla spiaggia per far sì che un gruppo di persone si trasformino d’incanto in un’unica entità. Ed a volte basta anche meno, basta un gruppo su Whatsapp.

Ieri siamo stati al concerto che Federico Poggipollini ha voluto fare per festeggiare i suoi (primi) 50 anni. A dire la verità al Locomotiv Club della “sua” Bologna più che un concerto è andato in scena un vero e proprio tributo alla musica ed ai legami che questa è in grado di creare.

La scintilla che ha fatto nascere questa serata è nata dalla pubblicazione, qualche settimana fa, di Città in fiamme, disco dei Tribal Noise, la prima band in cui Federico ha suonato (il basso) e con cui non si esibiva da ben 32 anni.
Dalla voglia di riproporre alcuni brani con questa band è venuto fuori un vero e proprio percorso della sua carriera che ha visto sul palco anche i Radio City, band dei fratelli De Luca (Andrea è uno degli autori, tra l’altro, di Bologna e piove), con cui Poggipollini ha militato sul finire degli anni ’80.
Ma l’apice della serata è stato raggiunto successivamente: aiutato dai Crumars, presenti in veste di resident band, per quasi due ore il palco è stato preso d’assalto dai più importanti musicisti di Bologna per una jam session che ha visto protagonisti i più grandi artisti della storia del rock: dai Rolling Stones ai Beatles, dai Clash a David Bowie, passando per i Police e Bob Marley.

E com’è avvenuto tutto questo? Semplice, con un gruppo su Whatsapp. «Io non ho fatto altro che mandare qualche messaggio ai miei amici invitandoli a fare qualcosa insieme – ha raccontato a margine della serata – loro han fatto tutto il resto, il merito è tutto loro. Se c’è una cosa che ho imparato in questi anni e di cui oggi ho avuto conferma è che la musica è la forma più potente di aggregazione e grazie ad essa riescono a venire fuori grandi cose».

Ma lo spettacolo nello spettacolo è che tutto è stato completamente improvvisato, anche se il suono era così preciso, impattante e chiaro che risulta quasi difficile crederlo. La bellezza di una serata simile è che alla fine tutto si riduce ad un gruppo di amici (estremanente talentuosi) che non han fatto altro che prendere una chitarra, salire sul palco e divertirsi.
Mettendo però in scena uno degli spettacoli più travolgenti che si possa realizzare.

Foto di Jarno Iotti
CONDIVIDI
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here