Weekend al cinema: Liam Neeson “gola profonda” o Marco Giallini ai servizi sociali?

0
Liam Neeson

Il cinema non va in vacanza. Anzi, il weekend porta nelle sale molti nuovi film, alcuni dei quali decisamente interessanti.

Il primo della lista è The Silent Man di Peter Landesman, film che racconta la storia di Mark Felt, la “gola profonda” del Watergate, lo scandalo che portò alle dimissioni del presidente Nixon. E’ stato presentato in anteprima al Toronto International Film Festival dello scorso anno e l’attore principale è Liam Neeson.

Un film italiano che incuriosisce? E’ il caso di Io sono Tempesta di Daniele Lucchetti, con due attori top come Marco Giallini ed Elio Germano. Ed una trama che sembra presa pari pari da qualche pagina di giornale: Giallini è un ricco finanziere che deve scontare un anno di pena ai servizi sociali per una vecchia condanna per evasione fiscale. Nel centro di accoglienza conoscerà un giovane padre che sta attraversando una profonda crisi economica. Ci sarà la redenzione?

The Happy Prince di Rupert Everett, alla sua prima prova da regista, è un film incentrato sulla vita di Oscar Wilde, interpretato dallo stesso Everett. Nel ricco cast ci sono anche Colin Firth ed Emily Watson. Il film è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival di quest’anno.

Il film fracassone del weekend è Rampage – Furia animale di Brad Peyton, ispirato all’omonimo videogioco degli anni ottanta. Al centro della storia ci sono un primatologo ed un gorilla albino, che per un esperimento genetico sbagliato diventa un’enorme creatura furiosa. E lo stesso destino accomuna altri animali, che iniziano a devastare l’America del Nord. La star del film è Dwayne Johnson.

La casa sul mare di Robert Guédiguian era in concorso alla Mostra di Venezia dello scorso anno. E’ un film francese che ha riscosso ottime critiche. Ambientato a Marsiglia, vede tre fratelli ritrovarsi nella casa dell’anziano padre. Sarà un inatteso arrivo dal mare a portare scompiglio nelle loro vite.

Il film che i cinefili non devono perdere è Il prigioniero coreano di Kim Ki-duk. Fra dramma ed ironia racconta la storia di un pescatore della Corea del Nord che, per un guasto, si ritrova alla deriva verso la Corea del Sud. Si ritroverà a vivere un’odissea giudiziaria, ma anche ideologica, tra mille certezze destinate ad andare in frantumi.

Escono anche la commedia americana Il viaggio delle ragazze di Malcolm D. Lee, l’italiano Il cratere di Luca Bellino e Silvia Luzi (presentato come «una favola Disney al contrario») e il film d’animazione Sherlock Gnomes di John Stevenson.

CONDIVIDI
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here