Il cuore generoso di Bruce Springsteen per il KACF (Kristen Ann Carr Fund)

0

Sono 25 anni che la Kristen Ann Carr Fund, istituita da Dave Marsh e Barbara Carr per volere della figlia , raccoglie fondi per la ricerca scientifica sul sarcoma, una forma di tumore ancora oggi difficile da curare che ha colpito la stessa Kristen Ann, morta a 21 anni nel 1993. Venticinque anni durante i quali sono stati raccolti quasi 20 miliardi di dollari attraverso donazioni spontanee e  aste  organizzate nell’annuale serata di gala che vede sempre la presenza di personaggi di primissimo livello del mondo dello spettacolo. A cominciare da Bruce Springsteen (accompagnato dall’inseparabile Patti Scialfa), sempre presente in questo tipo di manifestazioni. Il galà 2018, che segna appunto il 25° anniversario della morte di Kristen Ann, si è svolto sabato scorso (21 aprile) al Tribeca Grill di Robert De Niro, a New York, tra Greenwich e Franklin St.

Molti i personaggi che hanno partecipato alla serata: da  Jon Landau a Steve Van Zandt, da Roy Bittan a Jackson Browne, da Eddie Vedder (presente la sera prima allo show di Springsteen a Broadway) a Danny Clinch, da Frank Stefanko a Thom Zimny, da Bob Clearmountain a George Travis, a tantissimi altri. Tra gli oggetti battuti (e venduti) all’asta la foto The face in the dark  (qui sopra), scattata da Frank Stefanko a Colts Neck e autografata da Springsteen, aggiudicata per 6.250 dollari, il box di Darkness on the Edge of Town,  il box di Darkness on The Edge of Town, autografato da Bruce, Max Weinberg, Roy Bittan, Garry Tallent, Steve Van Zandt e Clarence Clemons, a 2.100 dollari. Altre foto di Springsteen, tutte rigorosamente autografate, tratte dalla collezione di Dave Gahr (1976, venduta a 1.300 dollari), da quella di Jim Marchese (1981, 1.850 dollari) e di Barrie Schneier (il Trittico di For You venduto  a 4.300 dollari). Tra i moltissimi altri oggetti messi all’asta anche  la Fender Squier Strat elettrica di Chrissie Hynde, firmata da lei, a 1.100 dollari.

A rendere ancora più leggendaria la serata, la presenza sul palco di Eddie Vedder che si è esibito insieme ai Tangiers Blues Band del suo amico Danny Clinch (che qui suona l’armonica) in una bellissima versione di  All Along The Watchtower.

Tra gli obiettivi della Fondazione, oltre alla ricerca sul cancro e sul sarcoma in particolare, la formazione di giovani medici per curare questa forma tumorale (ancora troppo poco conosciuta), il miglioramento della qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie. A chiedere espressamente l’istituzione di questa Fondazione, è stata proprio Kristen Ann Carr, una ragazza che ha voluto lottare fino alla fine della sua brevissima vita e che ogni volta che aveva intorno a sé in ospedale tanta gente, famosa e non, chiedeva loro di andare a fare visita anche agli altri pazienti che erano da soli in ospedale…

P.S. Il video allegato è stato ripreso da Mitch Slater e pubblicato su Youtube

Per fare donazioni all’associazione:  https://sarcoma.com/donate-now/

CONDIVIDI
Patrizia De Rossi è nata a Roma dove vive e lavora come giornalista, autrice e conduttrice di programmi radiofonici. Laureata in Letteratura Nord-Americana con la tesi La Poesia di Bruce Springsteen, nel 2014 ha pubblicato Bruce Springsteen e le donne. She’s the one (Imprimatur Editore), un libro sulle figure femminili nelle canzoni del Boss. Ha lavorato a Rai Stereo Notte, Radio M100, Radio Città Futura, Enel Radio. Tra i libri pubblicati due su Luciano Ligabue: Certe notti sogno Elvis (Giorgio Lucas Editore, 1995) e Quante cose che non sai di me – Le 7 anime di Ligabue (Arcana, 2011). Uno (insieme a Ermanno Labianca) su Ben Harper, Arriverà una luce (Nuovi Equilibri, 2005) e uno su Gianna Nannini, Fiore di Ninfea (Arcana). Il suo ultimo libro, scritto con Mauro Alvisi, s'intitola "Autostop Generation" (Ultra Edizioni). Dal 2006 è direttore responsabile di Hitmania Magazine, periodico di musica spettacolo e culture giovanili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here