Eurovision 2018: ecco chi sono i favoriti degli scommettitori

0
Eurovision

Sale l’attesa per la finale dell’Eurovision Song Contest, la kermesse super kitsch della musica europea. Dopo le due semifinali i cantanti rimasti in gara e i rappresentanti dei sei Paesi qualificati “di diritto” (Italia inclusa) sono pronti a darsi battaglia sul palco della Altice Arena di Lisbona.

Favorita per la vittoria finale, secondo gli esperti di Sisal Matchpoint, è la cantante cipriota Eleni Foureira, che con la sua Fuego è quotata a 2.10. Bizzarra la storia di questa cantante: rappresenta Cipro, ma è nata in Albania. La sua carriera è iniziata in Grecia, dove si spacciava per brasiliana.
Nelle scommesse, alle sue spalle c’è la cantante israeliana Netta, offerta a 4.00. Più staccato al terzo posto il duo francese Madame Monsieura 10.00.

E l’Italia? I vincitori dell’ultima edizione del Festival di Sanremo, Ermal Meta e Fabrizio Moro, faranno di tutto per convincere gli esperti e i telespettatori europei a votare per la loro canzone Non mi avete fatto niente, anche se una loro vittoria sembra poco probabile. I bookie l’hanno quotata a 12.00, a pari merito con la Lituania. Quindi, se il pronostico degli scommettitori fosse rispettato, si piazzerebbero al quarto posto. Naturalmente la speranza dei fan di Ermal & Fabrizio, agguerritissimi nel sostenere i loro beniamini, è che il pronostico non venga rispettato; e sognano di vederli sul podio, magari sul gradino più alto.

Però gli scommettitori si fidano dei pronostici e anche il 25% di loro crede nella vittoria di Cipro, mentre il 20% ha puntato sulla vittoria di Israele e il 15% dimostra di volere quella vittoria italiana che manca dal 1990, quando si affermò Toto Cutugno (in questo post trovate tutte l’elenco completo delle partecipazioni italiane con i relativi piazzamenti).
Qui l’ordine di ingresso dei cantanti nella serata finale.

CONDIVIDI
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here