Il Cinema e i Diritti. Suffragette

Domenica 13 maggio dale 16,30 alle 19,15 alla Libreria Gruppo Anima proiezione della pellicola e dolce intermezzo

0

Domenica 13 maggio 2018 dalle ore 16,30 alle 19,15 presso Libreria Gruppo Anima Galleria Unione, 1 Milano penultima puntata della rassegna la Nostra Europa sulle radici spirituali della nostra cultura – Conferenza illustrata di Lele Jardon e la proiezione della pellicola interpretata da Meryl Streep e Carey Mulligan – Costo 10 euro con dolce intermezzo

Londra 1903. Sotto la guida di Emmeline Pankhurst (Meryl Streep) le donne inglesi danno vita a una lotta senza quartiere per ottenere il suffragio universale. Operaie, borghesi, ragazze nubili e madri di famiglia, si organizzano in comitati e scendono in strada per rivendicare il loro diritto al voto al grido di Vote for women.  La protesta dilaga nell’intera nazione. Cariche di polizia, indagini, arresti e diffamatorie campagne stampa non fermano la ribellione delle militanti che vengono soprannominate con spregio Suffragette. Maud Watts (Carey Mulligan), operaia in fabbrica per tredici ore al giorno, dall’età di otto anni, è una di queste militanti. Lei e le sue compagne sono tra le pioniere del lungo percorso verso la conquista della parità dei diritti. Diretto nel 2015 dall’inglese Sarah Gavron il film Suffragette concluderà l’incontro condotto da Lele Jardon sulle donne che hanno cambiato il mondo, raccontato anche attraverso due capolavori britannici poco noti, Sui diritti delle donne, 1792 di Mary Wollestonecraft e Sulla servitù delle donne, 1869 del deputato John Stuart Mill e di sua moglie Harriet Taylor. Seguiranno le avventurose vite di molte suffragette storiche, tra le quali Emmeline Pankhurst (interpretata nel film di Gavron da Meryl Streep); Lady Constance Lytton che lottò en travesti per non avere privilegi durante la detenzione; Elisabeth Garrett Anderson, medico; Charlotte Despard, vegetariana e antivivisezionista, ma anche uomini femministi, Richard Pankhurst, avvocato e Frederick Pethick-Lawrence, deputato, non dimenticando le radici protestanti dell’impegno sociale e civile di molte attiviste, l’inglese Millicent Garrett e le americane Susan Anthony e Mary Ritter Beard entrambe quacchere. Noi non siamo contro la legge ! Noi vogliamo fare la legge è la frase con cui Emmeline Pankhurst incitava le donne a conquistare parità di diritti. Una frase poi stampata su una t-shirt bianca indossata da coloro che hanno sostenuto la campagna sociale Suffragette promossa in occasione dell’uscita della pellicola nel 2015, che ha ottenuto ben sette nomination dall’associazione Women Film Critics Circle, l’organismo preposto a rappresentare l’identità femminile nel cinema statunitense.

CONDIVIDI
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here