Dal 12 giugno in tutte le librerie “Questi sono i Nomadi e io sono Beppe Carletti”

0

Uscirà il 12 giugno, per Mondadori, Questi sono i Nomadi e io sono Beppe Carletti, uno spaccato della storia musicale di questo paese dai primi anni Sessanta ai giorni nostri.
La narrazione si svolge durante un viaggio notturno in auto di ritorno a casa dall’ennesimo concerto. Un viaggio come molti altri in apparenza, che si trasforma però, grazie al potere dell’immaginazione, in un itinerario attraverso la memoria. Immancabile compagno di viaggio Augusto Daolio, l’amico di sempre, testimone muto ma non per questo meno importante dei ricordi di una vita.

Dall’odore agrodolce del dopoguerra al concerto dei centomila in piazza Duomo a Milano, la vita movimentata di Beppe Carletti si articola all’interno di questi due estremi, custodita in una narrazione che ripercorre in modo insolito un’avventura musicale lunga cinquantacinque anni. Fondatore e tastierista dei Nomadi, Carletti ha attraversato la storia recente di questo paese restituendoci un affresco storico ricco di aneddoti gustosi, di incontri preziosi, di particolari inediti.

Dagli esordi appena quindicenne alle prime esperienze nelle balere, dai grandi tour teatrali alle migliaia di concerti di piazza che lo porteranno ai quattro angoli del mondo, Beppe Carletti ha sempre coltivato un rapporto solidissimo con le sue origini emiliane. E proprio l’attaccamento incondizionato alle proprie radici e l’amore per quella terra che gli ha dato molto e alla quale è sempre rimasto fedele, saranno alla base del concerto in favore dei terremotati dell’Emilia messo in piedi da Carletti a tempo di record grazie a una tenacia invidiabile.

E poi ancora la tournée americana, il concerto di Roma condito dalla presenza di Benigni che prende in braccio Berlinguer, gli inevitabili attriti e le immancabili perdite, prima fra tutte quella incolmabile dell’amato Augusto, collega, amico, compagno di viaggio e fratello.
Ma la protagonista assoluta della narrazione è la musica, vera grande passione di Carletti, coltivata sin da adolescente e condivisa con amici, musicisti e non, che hanno lasciato un segno profondo nelle vicende biografiche dell’autore oltre che nella storia della musica italiana.

CONDIVIDI
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here