Addio al Dj e giornalista Paolo De Bernardin

1
Paolo De Bernardin

È un’altra giornata di lutto per il mondo della musica: se ne è andato anche Paolo De Bernardin, Dj, conduttore radiofonico e giornalista musicale molto stimato.
Nato a Cupra Marittima, nelle Marche, nel 1948, nel giugno del 1975 fondò una delle prime radio private italiane (Radio 102 di San Benedetto del Tronto). Successivamente aveva iniziato a lavorare per la rivista Popstere nel 1980 era stato tra i co-fondatori del mensile Rockstar. Ha collaborato a lungo con numerosi giornali, ha pubblicato libri, è stato direttore artistico di festival ed ha collaborato per oltre trent’anni, dal 1978 al 2011, con la Rai, conducendo programmi “storici” come StereonotteArchivi del suono e Il Cammello di Radio Due).
Appena si è diffusa la notizia, sui social sono spuntate decine di testimonianze affettuose. Stefano Bonagura, produttore esecutivo di Musicultura e socio fondatore di Slow Music, amico di Paolo De Bernardin da una quarantina d’anni, ha scritto su Facebook: «Caro Paolo, la terra marchigiana era sempre l’occasione di rivedersi. Rockstar, la radio. Chiacchierare di musica, anche solo per telefono negli ultimi tempi, senza nostalgie, ma con divertimento, era un piacere, che mi mancherà, con Marie José che anche lei aveva imparato a conoscerti profondamente, da quasi 40 anni. Ho ammirato molto la tua capacità di resistere, il tuo matrimonio, la riservatezza».
Paolo De Bernardin

CONDIVIDI
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).

1 COMMENTO

  1. Che dolore … un autentico gentiluomo, dal sorriso mite e sornione, uno stile sobrio, una classe d’altri tempi. Ho iniziato la mia splendida storia in radio accanto a lui: lo ascoltavo e lo ammiravo in silenzio, lui già un Nome importante ed io una pivella. La dolcezza e la professionalità con cui si metteva a disposizione mi hanno fatto capire tante cose e hanno reso tutto più facile. Ho avuto tantissimo da lui e non ha mai chiesto nulla. Un uomo gentile, colto, sensibile e due meravigliosi occhi blu che scrutavano la notte e l’anima delle persone… Buon viaggio Maestro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here