De Gregori a Lignano Sabbiadoro: un live tra brani storici e rarità nascoste

0
Francesco De Gregori in concerto al Live Club di Trezzo Sull'Adda il 27 ottobre 2017 - © Foto: Fabio Beretta

E’ un’estate itinerante per Francesco De Gregori e il suo live, intitolato semplicemente Tour 2018, che ieri sera ha fatto tappa all’Arena Alpe Adria di Lignano Sabbiadoro (UD).
Sul palco col “principe” della musica italiana ci sono Guido Guglielminetti a basso e contrattabbasso, Carlo Gaudiello a piano e tastiere, Paolo Giovenchi alle chitarre e Alessandro Valle alle pedal steel e al mandolino.
Anche per questa parte estiva di tour manca la batteria, e la motivazione ce l’aveva data in un incontro dopo la prima data, ovvero che i batteristi di oggi lo annoiano.

Il live si divide tra grandi classici e qualche chicca un po’ meno conosciuta, e la scelta è voluta: «Mi fa piacere quando il pubblico riconosce un pezzo dalle prime note – dichiara De Gregori – ma mi piace anche quel silenzio un po’ stupito che accoglie le canzoni meno conosciute. La bellezza del live è anche questa, la scaletta non deve essere scontata, bisogna mischiare le carte».
E così nelle quasi due ore di concerto ci si muove tra brani meno scontati come Numeri da scaricare, Buenos Aires, Il cuoco di Salò, Cose e Falso movimento, i grandi classici come Generale, La leva calcistica della classe ’68, Titanic e le immancabili Rimmel e La donna cannone.
C’è spazio anche per un momento dedicato al ricordo dell’amico fraterno Lucio Dalla: sul finale di Santa Lucia, brano che il cantautore bolognese invidiava moltissimo al suo collega affermando che una canzone così bella avrebbe voluto scriverla lui, la band esegue un accenno strumentale di Com’è profondo il mare, mentre De Gregori invita tutto il pubblico ad alzarsi per rendere il giusto tributo al genio di Dalla intonando tutti insieme 4 marzo 1943.
Il finale vede ancora una volta protagonista Alessandra “Chicca” Gobbi, moglie di Francesco, che ormai da tradizione di questo tour lo accompagna eseguendo Anema e core.

L’assenza di una batteria a fare da colonna portante del suono non si nota eccessivamente, la band è perfettamente affiatata dopo mesi di concerti e i brani sono stati riarrangiati in modo da creare un’atmosfera intima, sempre intensa e che esalta ancora di più i testi delle canzoni, vera essenza dell’opera di De Gregori, tenendo costantemente alto il livello dell’emozione.

Questi i prossimi appuntamenti del tour, mentre più in basso trovate la scaletta del concerto di ieri:
21 luglio a Milano (Carroponte)
25 luglio a Firenze (Piazza Santissima Annunziata)
26 luglio a Visciano (NA) (Piazza Lancillotti)
28 luglio a Montella (AV) (Festival Verteglia)
7 agosto a San Mauro Pascoli (FC) (Villa Torlonia)
9 agosto a Montecassiano (MC) (Piazza Unità d’Italia)
11 agosto a Forte dei Marmi (LU) (Villa Bertelli)
12 agosto a Castiglioncello (LI) (Castello Pasquini)
14 agosto ad Asiago (VI) (Piazza Carli)
16 agosto a Orbetello (GR) (Festival Le Crociere)
19 agosto a Presicce (LE) (Piazza delle Regioni)
20 agosto a Trani (BT) (Piazza Duomo)
22 agosto a Soverato (CZ) (Summer Arena)
24 agosto a Zafferana Etnea (CT) (Anfiteatro Falcone e Borsellino)
25 agosto a Noto (SI)  (Scalinata Cattedrale)
26 agosto a Finale di Pollina (PA) (Teatro Parco Urbano)
1 settembre a Sant’Antioco (CI) (Arena Fenicia Festival)
3 settembre a Scario (SA) (Piazzale del Porto).

Ecco la scaletta del concerto di ieri sera:
1. Numeri da scaricare
2. Caterina
3. Il cuoco di Salò
4. Buenos Aires
5. Non è buio ancora
6. Vai in Africa, Celestino!
7. Sempre per sempre
8. Cose
9. La leva calcistica della classe ’68
10. Generale
11. Raggio di Sole
12. Gambadilegno a Parigi
13. Bambini venute parvulos
14. Santa Lucia
15. 4 marzo 1943
16. La donna cannone
17. Buonanotte fiorellino
18. Titanic

19. Falso movimento
20. Alice
21. Anema e core (con Alessandra Gobbi)
22. Rimmel

CONDIVIDI
Nato a Roma nel 1984, ma vivo a Venezia per lavoro. Musicista e cantante per passione e per diletto, completamente autodidatta, mi rilasso suonando la chitarra e la batteria. Nel tempo libero ascolto tanta musica e cerco di vedere quanti più concerti possibili, perchè sono convinto che la musica dal vivo abbia tutto un altro sapore. Mi piace viaggiare, e per dirla con le parole di Nietzsche (che dice? boh!): "Senza musica la vita sarebbe un errore".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here