Paul McCartney: «Domani suonerò a Liverpool»

0

Intervenuto in un interessantissimo Q&A organizzato dal LIPA, il Liverpool Institute for Performing Arts, l’Università da lui fondata nel 1996, Paul McCartney ha dimostrato di attraversare un periodo di forma fuori dal comune.

Dopo aver parlato a lungo della sua infazia, dei suoi inizi a Liverpool e del rapporto tra lui e gli altri Beatles, ha introdotto, ovviamente, il tema Egypt Station, il suo nuovo disco in uscita il 7 settembre.

«Ho voluto fare un album con l’idea di avere una fruibilità come un vecchio disco dei Pink Floyd o dei Beatles – ha raccontato – Trovo che i dischi di adesso siano composti con grandi canzoni, tutte potenzialmente commerciali, ma che non legano tra di loro. Io onestamente non mi sento di poter competere con questo genere di lavori, ma volevo realizzare un concept album, qualcosa che potesse avere un inzio ed una fine».

Parlando delle canzoni invece, oltre a dire che, secondo lui, il brano che il suo amico John avrebbe apprezzato maggiormente è I don’t know, ha anche rivelato che la canzone preferita di sua moglie Nancy è Confidante, suonata proprio lunedì scorso al secret concert agli Abbey Road Studios: «So che a Nancy piace particolarmente questa canzone che ho scritto per la mia chitarra – ha detto – Ebbene sì, una delle mie tante perversioni è che scrivo canzoni alle chitarre!».

Ma la notizia che più ha scatenato la gioia dei fan è arrivata alla conclusione della chiacchierata quando Paul ha detto che domani farà un concerto segreto da qualche parte a Liverpool.

Che sia il nuovo Cavern Club?

Paul McCartney in Casual Conversation with special guest Jarvis Cocker at The Liverpool Institute for Performing Arts#EgyptStation

Pubblicato da Paul McCartney su Mercoledì 25 luglio 2018

CONDIVIDI
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here