#MiSiEscludeva: Spettakolo contro l’odio e le discriminazioni!

0

“E mi ricordo che mi si escludeva
prima a scuola, sì…
…io non ero mica nato lì!”

Inizia così Mi si escludeva, una delle canzoni più apertamente di denuncia contro le discriminazioni di Vasco Rossi, raccontando degli episodi di scherno che il rocker subiva da ragazzino a scuola perchè lui “veniva dalla montagna”, era “diverso” dagli altri bambini di città.
E poi continua….

C’è chi dice “non è un problema
stiano pure qui”…
…poi li sfrutta come cani!
C’è chi dice “non è un problema,
li blocchiamo lì,
non facciamo entrare più nessuno qui!”
Cinquant’anni fa il “problema”…
lo risolvevano bruciandoli!
C’è chi dice che “il problema”
è che non ci sono più fiammiferi….

Questa strofa è un vero e proprio pugno nello stomaco, che ti sbatte in faccia la realtà, nuda e cruda: l’odio arriva al punto tale che qualcuno ha nostalgia di quando il “diverso” veniva bruciato nei campi di concentramento.

Abbiamo scelto proprio Mi si escludeva come simbolo della nostra iniziativa perchè la canzone racchiude in sè diversi tipi di discriminazione, visto che non si tratta solo di dire un ovvio “no al razzismo”, ma il nostro intento è quello di fare un discorso dal respiro più ampio, che coinvolga tutti i tipi di discriminazione verso il prossimo.
In questi tempi di odio per il “diverso”, qualsiasi motivo sia la causa di questa “diversità”, sentiamo il dovere di scherarci. Non contro una persona o un partito politico, ma contro un’ideologia: quella dell’odio, che porta alla discriminazione.
Che si tratti di discriminazione verso il bambino che a scuola è vittima di bullismo, oppure del nero che viene picchiato per strada per la sola colpa di avere un diverso colore della pelle, o ancora di degli omosessuali che vengono scherniti per la loro scelta e che non possono vedere riconosciuti i loro diritti.
Parafrasando la fin troppo abusata ma sempre valida Imagine di John Lennon, ci potrete anche prendere per sognatori, ma noi siamo convinti che siamo tutti fratelli e che possiamo dividere e condividere tutti insieme lo stesso mondo.

Per questo motivo durante tutto il mese di agosto Spettakolo non avrà un artista del mese, ma proporrà articoli con playlist di canzoni scritte contro ogni forma di odio e discriminazione, analisi di alcuni brani particolarmente significativi sul tema e della poetica di artisti che a questo hanno dedicato una parte importante della loro carriera e del loro pensiero.
L’intento è, nel nostro piccolo, cercare di educare al Bello, alla tolleranza, al vivere insieme, cercando di seppellire questa ideologia di odio con le migliori armi di cui disponiamo: musica e parole.

Anche perchè, ed è lo stesso Vasco che ce lo dice a fine canzone, se non ci diamo TUTTI una regolata, si arriva a fare “due comunità diverse” e una volta che la frattura diventa insanabile… “poi comincia la guerra!”

E mi ricordo… che mi si escludeva
prima a scuola sì,
io non ero mica nato lì.
E mi ricordo che mi si escludeva,
dicevano che qui
c’era poco posto anche così.
E mi ricordo che mi si escludeva
come se da qui
io potessi andarmene… “dove?!”…
E mi ricordo che mi si escludeva
e sono ancora qui,
e voi vi siete abituati sì…!

Ormai son qui
e nessuno più può togliermi!
Da quando sono qui….
assomiglio già un po’ a te!

E mi ricordo che sì, si escludeva
per motivi che
oggi fanno solo ridere.
E mi ricordo che sì, si escludeva
per primi quelli che
facevano paura: chissà perché?!?
E mi ricordo che sì, si escludeva
… sempre il più debole!
E mi ricordo che “non si voleva”
però neanche i più brutti come
me……

E avanti così…
facciamo due comunità diverse
facciamo due comunità diverse
facciamo due comunità diverse!!!

C’è chi dice “non è un problema,
stiano pure qui…”
…poi li sfrutta come cani!
C’è chi dice “non è un problema,
li blocchiamo lì,
non facciamo entrare più nessuno qui!!”
Cinquant’anni fa il “problema”…
lo risolvevano bruciandoli!
C’è chi dice che “il problema”
è che non ci sono più fiammiferi….

Speriamo che sì,
a noi ci lascino restare qui…
A noi ci lascino restare qui!!!

Se non ci credi
vieni a vivere con me,
tocca i miei giochi
e tutto quanto andrà…

Se non ci credi
vieni a vivere con me,
tocca i miei giochi
e tutto quanto andrà…
… a farsi fottere!

E avanti così…
…poi comincia la guerra!?!

CONDIVIDI
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here