Sulla mia pelle

Ultime ore di vita e morte di Stefano Cucchi

0

Sulla mia pelle
di Alessio Cremonini
con Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Max Tortora, Milvia Marigliano, Andrea Lattanzi.
Voto 6/7

Sulla mia pelle a Venezia 75 è stato il film di apertura della sezione Orizzonti. Forse il più supportato dai media per l’attualità. Racconta la passione e la morte di Stefano Cucchi,  spirato dopo lunga sofferenza e molta indifferenza mentre era in custodia cautelare sei giorni dopo il suo arresto nell’ottobre 2009. Una via crucis a volte difficile da sopportare, ma attenzione: non c’è una sola scena di violenza o di maltrattamento. È un film che fa star male a ragionarci: mostra Cucchi fermato mentre fuma in macchina sigarette del monopolio, portato in caserma dopo che gli hanno trovato fumo e cocaina, portato in una stanza, presumibilmente picchiato fino a rompergli due vertebre (ma non viene mostrato: non è ancora dimostrato…) e quindi per 6 giorni smistato tra guardiani più o meno pietosi, assistenti sociali, infermieri e medici più o meno interessati a indagare se sia davvero caduto dalle scale, come continua a ripetere (come si ripete per paura di conseguenze), o picchiato dalle forze dell’ordine. Alle richieste dei genitori molte voci anonime rispondono solo invocando regole e protocolli. Il paradosso è che non fanno orrore i segni della violenza (che nel film appaiono ma forse persino meno evidenti che nelle foto dei giornali e dei telegiornali): spaventa il curioso nascondersi di tutti dietro regole inviolabili in un’Italia che di solito sembra colonizzata da chiacchieroni anarcoidi. Qui tutti si trincerano dietro la legge fino a che il ferito (peraltro descritto in maniera oggettiva, persino nella sua ignoranza autolesionista e nella sua diffidenza per il potere: non protesta, non denuncia, non ci crede) semplicemente muore. Un film sgradevole e necessario per capire.

CONDIVIDI
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here