Salvador Dalí-La ricerca dell’immortalità

Come Salvador Dalí costruì la sua vita come un'opera

0

Salvador Dalí
La ricerca dell’immortalità
di David Pujol

In questo documentario ritrovate il pittore surrealista, certo, l’uomo truccato coi baffi impomatati e appuntiti, gli occhi guizzanti da ipnotista, le sue infinite variazioni pittoriche e sentimentali su Gala, la donna della vita, gli orizzonti desertizzati e gli orologi molli dei suoi quadri e tutta l’eterna recita eccessiva e buffonesca ad uso dei media: il Dalí che in qualche modo tutti hanno intercettato come icona anche senza interessarsi di pittura. Ma nel documentario di Pujol, con repertorio fotografico su un un inedito (e folle) Dalí giovanissimo, ironico sperimentatore e frequentatore di sperimentatori, cresce l’opera di tutte le opere: Dalí che utilizza la sua produzione per costruire un monumento surreale a se stesso che è anche la Grande Opera di un alchimista: la creazione della sua immagine architettonica attraverso le case di Cadaques e Portlligat  fino al Museo teatro di Figueres, il Dalí che sconfina nella pubblicità, nel marketing, nel cinema (Io ti salverò di Hitchcock, le sequenze dei sogni di Gregory Peck) e che continuamente indaga la scienza, la fisica quantistica e addirittura indice convegni su spazio, tempo, caso e causalità a cui partecipano il fisico dell’irreversibilità Ilya Prigogine e il matematico della Teoria delle catastrofi René Thom. E tutto questo passa dal pennello alla ricerca dell’immortalità. Fino alla morte…

Nei cinema il 23 il 24 e il 25

 

 

CONDIVIDI
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here