Abel Ferrara presenta a Milano il suo documentario Piazza Vittorio

Domenica 7 ottobre 2018 al cinema Beltrade via Nino Oxilia, 10 dalle ore 11 alle ore 15 tiene una Lectio Magistralis con la collaborazione della critica cinematografica Cristina Piccino, cui seguirà alle ore 15 la proiezione di Piazza Vittorio (ingresso alla lezione euro 10 e al film euro 15)

0
Foto film documentario Piazza Vittorio

L’ autore di Il cattivo tenente, uno dei registi più controversi della scena newyorkese, racconta dal suo punto di vista la vita di un quartiere romano simbolo del nostro tempo

Sede di un mercato storico della capitale, Piazza Vittorio rappresenta oggi il simbolo dell’integrazione multietnica vissuta tra gli splendidi storici palazzi d’ epoca. Ferrara, da sempre autore di un cinema controverso e poetico, con una troupe ridotta intervista gli abitanti del quartiere, i commercianti, i migranti e gli emarginati che bivaccano in zona nei giardinetti oppure si spostano alla ricerca di lavoro. Uno sguardo indipendente e un’osservazione attenta la sua della composita e variegata umanità proveniente da diversi paesi poveri del mondo, il Burkina Faso, la Nigeria, il Bangladesh, il Perù, la Moldavia, l’Afghanistan, la Bosnia, l’Egitto, la Guinea. Ogni intervistato racconta la sua esperienza di vita tra mille difficoltà economiche e sociali. Tra le curiosità del documentario scopriamo la presenza nel rione del regista Matteo Garrone trasferitosi in loco alla fine degli anni Novanta e dell’attore americano Willem Dafoe, ormai romano acquisito dopo il suo matrimonio con la regista Giada Casagrande. Il regista newyorkese, che vive da tempo in un appartamento di Colle Oppio a due passi da Piazza Vittorio, non poteva esimersi da interpretare con la cinepresa a spalla il mondo nel quale ha deciso di vivere, quello di un’umanità in bilico tra accoglienza, integrazione, ma anche rifiuto e paure. Una storia passata e presente.

CONDIVIDI
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here