Con i Dinner Show si balla prima… e meglio

0
Dinner Show

Gli addetti ai lavori della nightlife italiana tra loro parlano solo & soltanto di crisi, il che è tutto sommato divertente. Infatti, se la discoteca ‘classica’ non vive un momento di grande vivacità, le novità di successo non mancano. Se ne parla poco perché ormai abbiamo più o meno tutti fatto l’abitudine ai festival dedicati alla musica da ballo, che quindici anni fa non c’erano e solo cinque anni fa erano pochi e spesso di poco successo… e abbiamo pure fatto l’abitudine, per fortuna, a cenare e ballare nello stesso posto mangiando bene e ballando meglio. E’ una tendenza internazionale, che ad esempio a Ibiza coinvolge locali simbolo come Heart e Lio Bar.

Il formato ‘dinner & dance‘ esiste in Italia fin dagli anni ’80, certo, ma solo recentemente dj, club e ristoranti italiani l’hanno trasformato in un must, in una valida alternativa al ballare solo & soltanto dalle 2 di notte in poi. Perché aspettare? Chi non ha più vent’anni non ha mica voglia di ‘trasgredire’ sempre. Tra i protagonisti musicali di questa tendenza c’è senz’altro Ben Dj, che a Milano tra gli altri fa ballare tra gli altri l’esclusivo Bullona. Uno come Ben sa sempre come mettere energia con stile, alternando capolavori del passato, melodie, ritmi folli.

In Veneto dinner show scatenati fanno cantare ed emozionare Feel Club & Villa Bonin, con modalità e musica diversa ogni sera. Infatti una cena musicale che diventa un party folle in uno spazio immenso come Villa Bonin è diversa da un evento deluxe al Feel, club simbolo di Vicenza. Ciò che resta costante è la qualità totale dei piatti proposti. Oltre a tante proposte di carne e di pesce si può scegliere tra pizze, insalatone, hamburger gourmet e si comincia sempre con un aperitivo di qualità. Altro che cene in piedi a base di patatine e snack bisunti, come capitava qualche anno fa in disco.

A Milano tra gli spazi più rodati per la formula dinner show c’è senz’altro Cost, in zona Corso Como. Quest’anno la qualità dei piatti cresce ancora, così come quella dell’intrattenimento proposto dal club. Ad esempio, sabato 6 ottobre in mezzo ai tavoli e sul palco danno spettacolo i performer e le performer di Visionair Events (nella foto), professionisti dello show che si esibiscono tra Dubai, Ibiza, Londra, New York, collaborando tra gli altri con un brand internazionale come Billionaire.  Spesso al Cost fanno spettacolo anche le canzoni e l’energia di Matteo Borghi. La sua è molto più che la solita ‘cover band’. Infatti il suo recente singolo “Vivo la Vida” sta arrivando alle 200.000 views e la qualità di ciò che sa proporre quando è sul palco è eccellente. Guarda caso, pure Borghi da sempre ha una carriera internazionale e si è esibito in mezzo mondo.

CONDIVIDI
Giornalista & comunicatore (o viceversa), Lorenzo Tiezzi sta online più o meno tutto il giorno. Il sito della sua agenzia è www.lorenzotiezzi.it, il suo clubbing blog AllaDiscoteca.com. All'attività di comunicatore affianca quella di giornalista freelance. Scrive di tendenze, musica, nightlife, ovvero, riassumendo all’osso, di amenità. Fiorentino, classe ‘72, si è laureato in Dams Musica nel 1996. Prima di dedicarsi a giornalismo e comunicazione ha lavorato in tv come coautore e curatore (Tmc2, Mtv) e in teatro come direttore di palco. Appassionato di arte, vino e sport, nel novembre 2013 ha corso la sua prima maratona e punta tutto su un tempo improbabile (3h e 30’’).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here