#nonènormalechesianormale: una playlist contro la violenza sulle donne

0

La Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, celebrata in tutto il mondo il 25 novembre, è stata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999 con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema tremendamente delicato.

Perché proprio il 25 novembre? La data è stata scelta in memoria delle sorelle Mirabal, brutalmente uccise nella Repubblica Dominicana nel 1960 su mandato del dittatore Tuijllo. Una ricorrenza che ormai da vent’anni chiama a raccolta le donne di tutto il mondo, le associazioni e i governi dei Paesi con l’obiettivo di organizzare manifestazioni che possano analizzare un fenomeno che è ancora tristemente attuale.

Fino ad ottobre del 2018, in Italia sono morte 106 donne per mano di partner, conoscenti, parenti o ex partner: una media agghiacciante (circa una ogni 72 ore) che dovrebbe far riflettere su quanto ancora oggi, nel XXI secolo, la mentalità di molti sia retrograda e bigotta. La vicepresidente della Camera dei Deputati, Mara Carfagna ha lanciato per quest’anno la campagna Non è normale che sia normale che mira a cambiare il modo di pensare di molti uomini e della società intera.

Aderendo a questa campagna, abbiamo scelto alcune delle canzoni italiane e internazionali più significative sul tema, non per vittimismo: semplicemente perché crediamo che la misoginia sia un problema reale che attanaglia la società contemporanea, e che sia necessaria una vera e propria rivoluzione culturale per cambiare un mondo dove le donne non sono più libere di vestirsi, comportarsi o vivere come vogliono perché potrebbero scatenare una reazione esagerata da parte degli uomini. O meglio, di alcuni uomini.

Lasceremo che sia la musica a parlare, perché pensiamo davvero che la forza impressa nelle parole che abbiamo selezionato per voi sia capace di scatenare un terremoto interiore, magari anche molto piccolo.

Till it happens to you – Lady Gaga

Every breath you take – Police

Love is a losing game – Amy Winehouse

Bang bang – Nancy Sinatra

Janie’s got a gun – Aerosmith

Mai per amore – Gianna Nannini

Ballata triste – Nada

Nessuna conseguenza – Fiorella Mannoia

Gesù Cristo sono io – Levante

Gli uomini non cambiano – Mia Martini

Quella che non sei – Ligabue

Vietato Morire – Ermal Meta

CONDIVIDI
21 anni e una grande passione per la musica, in particolare per quella italiana. Scrivere è sempre stata una necessità fin da piccolissima, così dopo la maturità scientifica ha scelto di proseguire gli studi nell'ambito della comunicazione, per coltivare il sogno di diventare giornalista. Oltre alla musica ama lo sport, il cinema e i viaggi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here