A Milano due anteprime dal 36° Torino Film Festival

Mercoledì 28 novembre Ride di Valerio Mastandrea e mercoledì 5 dicembre 2018 Colette di Wash Westmoreland

0
Foto film Colette

Proseguono le iniziative de Le vie del cinema, progetto promosso da AGIS lombarda con il sostegno di MiBAC e Regione Lombardia e con il patrocinio di Comune di Milano.

Torna la Milano degli eventi cinematografici internazionali dopo gli appuntamenti di giugno (i titoli dal Festival di Cannes) e settembre (i titoli dai Festival di Locarno e Venezia) con due importanti anteprime provenienti dal 36° Torino Film Festival. È l’attore Valerio Mastandrea a portare all’ Anteo Palazzo del Cinema il suo primo lungometraggio da regista intitolato Ride (28 novembre ore 20), storia di Carolina che ha perso il suo compagno Mauro Secondari morto sul lavoro. La ragazza, rimasta così sola con un figlio di dieci anni, non riesce però a piangere lasciando costernati parenti e amici che la vorrebbero vedere nel ruolo di una giovane vedova devastata dal dolore. Mastandrea terrà una lezione di cinema (ore 18,30) prima della proiezione del film con la complicità di Mattia Carzaniga che modererà l’incontro. Grande attesa anche per l’altra anteprima proveniente sempre dal 36° Torino Film Festival, Colette (5 dicembre ore 21) di Wash Westmoreland in programma all’ Eliseo Multisala. Protagonista Keira Knightley nei panni della scrittrice francese Sidonie-Gabrielle Colette sposatasi giovanissima con Henry Gauthier-Villars, detto Willy, un carismatico e egocentrico letterato che la costringe a scrivere attribuendosi le opere della moglie diventate nel frattempo un fenomeno letterario.   Claudine, la protagonista dei tanti romanzi ideati dalla giovane scrittrice diventa il simbolo e l’icona della Bella Epoque parigina. Dopo essersi separata dal marito tiranno, la donna si batterà con coraggio per rivendicare la paternità delle sue opere letterarie. La pellicola consacra ancora una volta Keira Knightley, attrice di razza specializzata in personaggi femminili storici già interpretati in Orgoglio e pregiudizio, 2005; Espiazione, 2007; La duchessa, 2008; A Dangerous Method, 2011; Anna Karenina, 2012.  Due film, due storie  di due donne indipendenti e determinate quelle provenienti dalla manifestazione di Torino che il pubblico milanese ha la possibilità di vedersi prima della loro regolare uscita nelle sale.

 

CONDIVIDI
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here