Da Damon Albarn (e Paul Simonon) alle grandi band degli anni ’80. Si arricchisce il Lucca Summer Festival

0

Si arricchisce il palinstensto della 22° edizione del Lucca Summer Festival, dopo i Take That, Francesco De Gregori, i Toto, Elton John, Macklemore e Mark Knopler, sono stati annunciati oggi altri due concerti: i New Order e gli Elbow, il 12 luglio e i The Good, The Band & The Queen il 20 luglio.

I New Order sono un raro caso in cui lo stesso gruppo di persone è riuscito a lasciare un segno nella musica contemporanea per due volte. Da una parte, la pesante eredità dei leggendari Joy Division, una band dalla vita breve ma che ancora è oggetto di venerazione da parte di innumerevoli fan in tutto il mondo della scena post-punk (e non solo) e che ha avuto influenza su migliaia di altre band nel corso degli anni: dall’altra parte, la trasformazione nei New Order, la svolta verso un suono elettronico e il loro impatto sulla successiva generazione di musicisti e ascoltatori hanno reso la band di Manchester uno dei nomi che hanno indirizzato il corso della scena musicale mondiale come è riuscito a pochi altri.
Gli Elbow hanno ottenuto molti di quei riconoscimenti che contraddistinguono una band di successo. La loro bacheca contiene tre premi Ivor Novellos, un Mercury Music Prize e un BRIT award per Best British Band. I loro album più recenti, ‘The Take Off and Landing of Everything’ (2014) e ‘Little Fictions’ (2017), hanno entrambi debuttato al numero uno nella classifica degli album del Regno Unito.

I The Good, The Bad & The Queen sono un supergruppo formato da Damon Albarn, frontman dei Gorillaz e dei Blur, l’ex chitarrista dei Verve, Simon Tong, il bassista Paul Simonon dei leggendari Clash e il batterista nigeriano Tony Allen che ha suonato per anni con Fela Kuti, icona dell’afrobeat. La band è un progetto musicale di alternative rock con connessioni alla musica garage e folk. Il 16 novembre 2018 il gruppo ha pubblicato il suo secondo album, Merrie Land, prodotto da Tony Visconti, l’uomo dietro l’ultimo capolavoro di David Bowie, Blackstar.

CONDIVIDI
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here