Classifica FIMI: J-Ax entra direttamente in vetta!

0

La Fimi ha pubblicato la classifica dei 100 album più venduti in Italia per la settimana che va dal 26 gennaio all’1 febbraio.
Esordisce direttamente al primo posto il nuovo disco di J-Ax, Il bello d’esser brutti, facendo quindi scalare di una posizione Marco Mengoni con il suo Parole in circolo, che lascia la vetta dopo due settimane consecutive al comando. Al terzo posto troviamo un’altra nuova entrata, Endkadenz vol. 1 dei Verdena, seguito da Marracash con Status e Carmen Consoli con L’abitudine di tornare.
Questa la top ten dei dischi più venduti in Italia, con la variazione di classifica rispetto alla settimana precedente:
1. J-Ax – Il bello d’esser brutti (new)cover170x170
2. Marco Mengoni – Parole in circolo (-1)
3. Verdena – Endkadenz vol. 1 (new)
4. Marracash – Status (-2)
5. Carmen Consoli – L’abitudine di tornare (-2)
6. Tiziano Ferro – Tzn-The best of Tiziano Ferro (-2)
7. Gianna Nannini – Hitalia (-2)
8. Mekna – Laska (new)
9. Modà – Modà 2004-2014 l’originale (-3)
10. Vasco Rossi – Sono innocente (-1)

Tra le nuove entrate segnaliamo anche Amo, il nuovo disco di Miguel Bosè, alla posizione 19, e Celloverse dei 2cellos alla 38.
A un mese dalla sua morte, e dopo gli esploit delle scorse settimane, iniziano a diminuire i dischi di Pino Daniele presenti in classifica, anche se restano numerosi, ben 17: nelle posizioni più alte troviamo Nero a metà alla 18esima e la raccolta 3cd collection alla 20esima.
Tra i dischi di lunga permanenza, oggi segnaliamo la presenza di ben due dischi “ultracentenari”: il primo è Backup 1987-2012 di Jovanotti, al numero 65 dopo ben 114 settimane consecutive di permanenza, e l’altro, appena entrato nel ristrettissimo club, è Sig. Brainwash – L’arte di accontentare di Fedez.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome