Jeff Ament dei Pearl Jam vorrebbe gli Oasis e i Cure nella Rock & Roll Hall Of Fame

0
Jeff Ament dei Pearl Jam

I Pearl Jam, da poco entrati nella storia della Rock & Roll Hall of Fame, si sono sempre distinti non solo per il loro innegabile talento ma anche per l’ impegno rivolto a diverse cause civili di estrema importanza. Questa volta però il loro bassista Jeff Ament ha deciso di giocare su una questione decisamente più allegra e ludica.

Durante la performance in occasione della cerimonia della Rock & Roll Hall Of Fame, Ament ha sfoggiato una maglietta che, nel caso fosse sfuggita ai meno accorti, è stata postata sul profilo Twitter della band.

Si suppone che i nomi riportati su questa simpatica t-shirt non siano altro che artisti molto apprezzati da Ament e che meriterebbero di essere inserite nella Rock & Roll Hall Of Fame, fra cui gli Oasis, i Cure, Iron Maiden e molti altri. Di seguito l’elenco completo: Brian Eno, Can, Buzzcocks, The Cars, Slayer, Faith No More, Fela Kuti, Alice In Chains, Flipper, Gang of Four, Grand Funk Railroad, Guided By Voices, Motley Crue, Husker Du, Iron Maiden, Jane’s Addiction, Joe Jackson, New York Dolls, B-52’s, Jonathon Richman, Kate Bush, King Crimson, Duran Duran, Love, Lenny Kravitz, The Cult, Dinosaur Jr., King Diamond, Minor Threat, Minutemen, Misfits, The Monkees, Moorhead, Mountain, Mudhoney, Nick Cave, Nina Simone, Nine Inch Nails, PJ Harvey, Richard Hell, T. Rex, Roxy Music, Judas Priest, The Sonics, Soundgarden, Steppenwolf, The Damned, Hipgnosis, Thin Lizzy, Waterboys, Bad Brains, Dead Kennedys, Bauhaus, The Replacements, Pixies, The Black Crowes, Black Flag, Big Star, Billy Idol, Bjork, Bon Jovi, Smashing Pumpkins, Blue Oyster Cult, Pil, Melvins, Fugazi, Dio, Elliott Smith, Psychedelic Furs, X, Free, New Order, Tom Waits, Emerson, Lake & Palmer, Sonic Youth, Todd Rundgren, Ted Nugent, The Cure, MC5, Captain Beefheart, Warren Zevon, Link Wray, Weather Report, Devo, Flaming Lips, Nick Drake, Harry Nilsson, Neu!, Chad Channing, Sweet, Raymond Pettison, Oasis e Bad Company.

Chissà che il messaggio non venga ascoltato per il prossimo anno!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome