Un mese senza Chester Bennington. 10 canzoni per ricordare il leader dei Linkin Park

0
Chester Bennington
Chester Bennington

L’amato leader dei Linkin Park, Chester Benningtonci ha lasciato esattamente un mese fa. Quello che emerge, sia da parte degli addetti ai lavori che delle persone comuni, è lo sbigottimento, la non accettazione di ciò che è accaduto ad un artista dal grande talento e carisma che avrebbe potuto dare ancora molto. Tralascio volutamente alcuni commenti a dir poco sgradevoli a molti post sulla morte di Chester, che ne offendono la memoria e ne deridono la sofferenza. Preferisco soffermarmi sulle doti vocali, sulla sua grande umanità, che traspariva benissimo sul palco. Non potrei definirmi una sua fan autentica, ma rappresenta tantissimo del mio periodo alle superiori ed un legame forte ad un’amica speciale. Di tutto questo, non posso che essergli grata.

Ripercorriamo insieme (con molto magone) la carriera di Chester e dei suoi Linkin Park, accanto al suo grande amico Mike Shinoda.

1.IN THE END (2000)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

2.NUMB (2003)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

3.WHAT I’VE DONE (2007)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

4.CASTLE OF GLASS (2012)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

5.PAPERCUT (2000)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

6.TALKING TO MYSELF (2017)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

7.BREAKING THE HABIT (2003)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

8.SOMEWHERE I BELONG (2003)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Per concludere questa mini playlist (che preciso essere, come sempre, per forza di cose parziale e non totalmente esaustiva), due video che dicono molto di chi era Chester Bennington. ll primo è una toccante One More Light, seguita da una splendida Crawling, cantate praticamente abbracciato al suo pubblico in occasione degli IDays 2017 a Monza. Il secondo video è sempre Crawling, ma cantata in duetto col suo amico fraterno Chris Cornell in occasione di un live dei Linkin Park. Credo che sia sufficiente guardare, non serve aggiungere altro.

9.ONE MORE LIGHT & CRAWLING (LIVE MONZA 2017)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

10.CRAWLING (CON CHRIS CORNELL)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

«Portami sull’ansa del fiume,
Portami alla fine del conflitto,
Lava via il veleno dalla mia pelle
Mostrami come sentirmi di nuovo completo
Fammi volare su di un’ala d’argento»

(Castle of Glass)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome