VENEZIA 74. Espèces Menacées. Siamo a rischio

Strani incroci tra quattro coppie critiche e in crisi, genitori compresi

0

In Espèces Menacées di Gilles Bourdos (Orizzonti) c’è la giovane coppia in cui lei è tanto carina ma non sopporta i genitori (madre ossessiva e padre debole) e lui ha il fascino della canaglia tatuata e promette fin dalla prima notte di nozze d’essere un paranoico violento. Quando smette di promettere si conferma un picchiatore pericoloso con terribili sbalzi d’umore. C’è la strana coppia lei 23enne studentessa incinta, lui 63enne professore distratto, che pretendono d’essere accettati senza riserve e subito, il che è sacrosanto ma difficile: il padre di lei è più giovane del professore, e oltretutto si sta separando e va a vivere accanto alla coppia carina/picchiatore. Il picchiatore incrocia anche un’altra coppia: lui studente complessato ma tanto perbene, che deve accudire la madre abbandonata dal marito esasperato per una più giovane: madre egoista, psicotica, che usa il figlio come arma e come stampella. Le specie a rischio d’estinzione a cui fa rimerimento il titolo probabilmente sono gli umani maschi (deboli) e femmine (pazze, per lo più). Non è chiaro se il messaggio di Bourdos è che nella non-normalità della normalità non valgono più i rapporti canonici ma critici, bensì i rapporti anomali ma felici (meglio l’abisso dell’età che l’incomunicabilità tra coetanei). Comunque non ci ha molto convinto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome