VENEZIA 74. The Leisure Seeker. Virzì e la vecchiaia

Lui con l'Alzheimer lei col cancro scappano in camper sulle strade della gioventù

0

The Leisure Seeker, in Concorso a Venezia 74, di Paolo Virzì in versione americana, racconta la fuga con il vecchio camper  (“il cercatore di piacere”, Leisure Seeker) del professor Donald Sutherland, che se l’Alzheimer non gli  ruba pezzi di memoria spiega Hemingway alle cameriere, e di sua moglie Helen Mirren, paziente e ironica, a cui il cancro lascia davvero poco tempo. I due si rendono irreperibili ai figli e ai medici che li aspettavano per inserirli in programmi di cura e fanno un on-the- road sugli itinerari delle loro vacanze di famiglia quando i figli erano piccoli. Ad ogni tappa proiettano sulle pareti del camper diapositive dei momenti più belli, litigano per certi ricordi che affiorano o non affiorano, riprovano persino il sesso in extremis. Poi, invece di costituirsi ai sanitari scelgono anche loro, come i vecchi della Villa di Guediguan di andarsene insieme dalla vita dopo un certo numero di avventure tra il tragico e il buffo. Da un certo punto di vista è un film commovente, è l’amore di Filemone e Bauci benedetto dagli Dei, da un altro punto di vista è un film efficiente, un passepartout per il mercato americano e anche molto professionale. Tutti bravi, eppure…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome