Milano Film Festival Stagione 22

Dal 28 settembre all’8 ottobre undici giorni e undici notti di film in anteprima, Vr, musica, mostre e ospiti internazionali.

0

Erano solo un gruppo di giovani amici appassionati di cinema decisi ad inseguire un’idea nuova e diversa di concepire una manifestazione cinematografica. Dare spazio ai film più poveri e con meno possibilità di essere visti dal pubblico dei loro coetanei.

Abel Ferrara

Oggi, ventidue anni dopo Milano Film Festival è una realtà consolidata in una città il cui pubblico è particolarmente maturo e pronto per un cinema diverso e alternativo a quello del circuito commerciale. Otto opere prime e seconde presentate in anteprima italiana girate da registi provenienti da tutto il mondo sono la struttura portante del concorso lungometraggi nella cui giuria vi sarà Abel Ferrara, maestro del cinema non allineato che presenterà due suoi film. Tra i titoli in cartellone Gabriel e a mantonha del brasiliano Fellipe Gamarano Barbosa, ricostruzione in fiction della scomparsa di un ragazzo innamorato dell’Africa;

England is Mine

England is Mine dell’inglese Mark Gill, storia del ribelle di talento Steven Morrisey dei The Smiths nella Manchester degli anni  Settanta; As Duas Irenes di Fabio Meira, la forza dell’amicizia tra due ragazze. Tra i documentari Meteors di Gürcan Keltek ambientato nel Kurdistan oppresso dalla Turchia; Ouroboros di Basma Alsharif girato con un linguaggio sperimentale nella striscia di Gaza. E ancora l’animazione Have a Nice Day di Liu Jian, un’opera a rischio censura in Cina, Person to Person di Dustin Guy Defa, la giornata di molti personaggi uniti da un solo amore, quello per New York.

Manifesto

Quarantuno sono i cortometraggi selezionati tra gli oltre duemila lavori provenienti da tutti i continenti. Inoltre giovedì 5 ottobre Milano Film Festival e Fastweb Digital Academy– la nuova scuola per le professioni digitali che ha l’obiettivo di accelerare l’incontro tra i giovani e il mondo del lavoro, presentano un progetto speciale: la prima sala VR in Italia, uno spazio interamente dedicato alla virtual reality per indagare i nuovi linguaggi e le innovazione tecnologiche nel panorama audiovisivo. Il pubblico potrà sperimentare la sala sia durante il periodo del festival sia successivamente per scoprire nuovi formati che non hanno ancora una vera distribuzione. La manifestazione si svolge presso Base Milano in via Bergognone, 34; Mudec – Museo delle Culture di Milano, via Tortona, 56 e Cinema Ducale, piazza Napoli, 27.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome