E’ morto Tom Petty, colpito da un infarto

0
Tom Petty

Le notizie in arrivo dall’ospedale californiano in cui hanno ricoverato Tom Petty in fin di vita si sono susseguite per ore in modo assolutamente confuso. Poi quasi all’alba la conferma ufficiale della morte. Tom Petty è stato colpito da un infarto e le sue condizioni sono apparse immediatamente critiche. Nella tarda serata la CBS News aveva annunciato la sua morte, ma poi si era dovuta correggere. La notizia del decesso era stata ripresa da tutte le principali testate. L’incertezza è proseguita per ore, fino alla conferma dello staff dell’artista. Questo il messaggio apparso sulla sua pagina Facebook:

On behalf of the Tom Petty family we are devastated to announce the untimely death of our father, husband, brother, leader and friend Tom Petty.
He suffered cardiac arrest at his home in Malibu in the early hours of this morning and was taken to UCLA Medical Center but could not be revived.
He died peacefully at 8:40pm PST surrounded by family, his bandmates and friends.
– Tony Dimitriades, longtime manager of Tom Petty & The Heartbreakers on behalf of the family

Destino bizzarro, il suo, considerato che dal 1976 è il leader di una band chiamata Heartbreakers. Tom aveva 66 anni. Era nato in Florida nel 1950 e avrebbe compiuto 67 anni il prossimo 20 ottobre.

Trovato privo di conoscenza in seguito a un arresto cardiaco nella sua casa di Malibù, l’artista è stato portato all’ospedale di Santa Monica, dove per 24 ore ha lottato tra la morte e la vita.

Ebbe un enorme successo soprattutto negli anni ottanta, insieme ai già citati Heartbreakers. La settimana scorsa aveva concluso un tour a Los Angeles. In carriera è stato anche attore in due film. Molto amato dai rockers, era diventato una star grazie ad album come Tom Petty & the Heartbreakers (1976), Damn the Torpedoes (1979), Full Moon Fever (1989) e Wildflowers (1994). Alla fine degli anni Ottanta aveva partecipato al supergruppo dei Traveling Wilburys, insieme a Bob Dylan, Jeff Lynne, George Harrison e Roy Orbison. Proprio quest’anno aveva vinto il premio Grammy come “Person of the Year”.

Petty ha sempre basato la sua musica sul rock americano più tradizionale, caratterizzato da intense ballate sostenute da potenti chitarre. Amava raccontare storie di personaggi spesso ai margini della società, un po’ sulla falsariga di Bruce Springsteen (tra i due tra l’altro c’è sempre stato un forte rispetto reciproco). Si calcola che abbia venduto la bellezza di 80 milioni di dischi nel mondo e anche con l’ultimo album, Hypnotic Eye (2014) aveva raggiunto il primo posto delle charts americane.

Diffusa dal sito TMZ, ecco la telefonata fatta al numero d’emergenza americano 911 da Dana York, moglie di Tom Petty: la telefonata è partita alle ore 22,45 di domenica e Dana tenta di spiegare alla centralinista che suo marito ha smesso di respirare, dice che non sa cosa fare e chiede aiuto.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran, iniziata nel 2000 e che prosegue tuttora. Per 15 anni ho collaborato anche con il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 e fino alla sua chiusura ho curato il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome