Robert Mitchum, il temerario

Dal 6 al 21 ottobre omaggio al grande attore maestro dell’underplaying: la sottorecitazione o non recitazione

0

 

L’andatura elegante e atletica inimitabile, il fisico imponente, gli occhi con le palpebre cadenti da semi addormentato, il sorriso da malandrino sono le caratteristiche salienti di Robert Mitchum l’outsider di Hollywood, il più grande rappresentante dell’underplying, la non recitazione o la sottorecitazione, in pratica l’opposto del Metodo dell’Actor’s Studio basato sull’enfasi. Il grande Bob con la sua faccia da tartaruga ha saputo resistere a tutte le mode e alla dura concorrenza di intere generazioni di nuovi attori senza rinunciare al suo stile («da quando sono arrivato a Hollywood ho cambiato solo le mutande!» era una delle sue battute più celebri). Duro e tenero, cinico e sentimentale, eroe e antieroe Mitchum è un interprete del tutto originale nel panorama di Hollywood noto per la sua tagliente autoironia che gli fa dire: ”Io come attore ho tre espressioni: guardo a sinistra, a destra e al centro. Adorato da molti registi ha saputo districarsi in tutti i generi, dal melodramma, alla commedia, dal thriller al bellico con grande naturalezza. Nato il 6 agosto 1917 a Bridgeport il 6 agosto 1917 dopo aver vagabondato per gli States approda in California dove casualmente capita sul set di una serie western intitolata Hopalong Cassidy alla quale partecipa senza essere mai salito in groppa a un cavallo.  Dopo una dura gavetta è il ruolo dello scontroso, ma valoroso tenente dell’esercito Bill Walker  nel film I forzati della gloria del 1945 a dargli la fama. Messo sotto contratto dalla RKO recita nel thriller Le catene della colpa del 1947 (in programma il 19 ottobre ore 17); nel western Notte senza fine del ’47 (il 6 ottobre ore 15) e nell’avventuroso Il tesoro di Vera Cruz del ’48 (il 21 ore 15). Nel ’52 è un anziano campione di rodeo solitario e senza fissa dimora in Il temerario (il 6 ore 19). Nel ’55 è strepitoso nei panni del predicatore demoniaco di La morte corre sul fiume (il 7 ore 15) e nel ’57 è invece un rude marine attratto da una suora su di un’isoletta sperduta nel Pacifico durante la seconda guerra mondiale in L’ anima e la carne (l’8 ottobre ore 17). Nel ’60 è un milionario americano annoiato che s’innamora di un’ affascinante aristocratica inglese di L’ erba del vicino è sempre più verde” (sempre l’ 8 alle ore 19) e nel ’63 un’ altra performance indimenticabile, quella dello psicopatico in Il promontorio della paura (il 18 ore 17). Non poteva mancare nella sua carriera anche il personaggio del mitico detective privato scaturito dalla penna di Raymond Chandler in Marlowe poliziotto privato del ’75 (il 10 ore 17). Dopo aver partecipato a 140 film Bob Mitchum muore a Santa Barbara in California il 1° luglio 1997 e le sue ceneri sono disperse nell’oceano. L’ultima affermazione della sua personalità ribelle ed anticonformista.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome