Daniele Tedeschi, storico batterista di Vasco Rossi, ripubblica la sua biografia con nuove foto e aneddoti

0
Daniele Tedeschi e Vasco Rossi

Daniele Tedeschi ha suonato con Andrea Mingardi, Miguel Bosé e Massimo Ranieri. Ma soprattutto è stato il batterista di Vasco Rossi dal 1984 al 1995. Con il Blasco ha vissuto la fase del primo vero successo, poi quella della consacrazione di Fronte del Palco e del primo San Siro ed infine gli anni ’90, fino a Rock sotto l’assedio. Poi, il divorzio, non indolore.

Tre anni fa, insieme al giornalista Samuele Govoni, ha pubblicato un’autobiografia intitolata Una batteria in valigia (clicca qui), per la casa editrice La Carmelina. Ora, quel libro, viene ristampato per Arcana, arricchito di nuovi aneddoti e foto. Il prezzo? Attualmente su Ibs lo si trova a € 12,75.

E’ un libro interessante, perché racconta la storia di un musicista vero. E lo è ancora di più per i fan di Vasco Rossi che vogliono conoscere meglio gli anni cruciali nella carriera del loro beniamino. Insomma, è un libro da leggere.

Di seguito la sinossi completa:
Dai dancing emiliani ai bagni di folla, dai concerti nelle piazze di paese ai tour mondiali accanto a Miguel Bosé, Vasco Rossi e Massimo Ranieri. Daniele Tedeschi inizia a suonare la batteria giovanissimo, per gioco e divertimento. Ben presto però quella passione si trasforma in professione: il primo ingaggio arriva quasi per caso a quindici anni, poi, dopo la classica gavetta nelle orchestre minori, approda ai Supercircus di Andrea Mingardi al posto di Giulio Capiozzo, lo storico batterista degli Area. Dal 1980 al 1986 Tedeschi calca palchi internazionali di grande prestigio al fianco di Miguel Bosé: insieme suonano ovunque, dal Madison Square Garden di New York a Iquitos, nel cuore della foresta amazzonica. Nel 1984 l’incontro con Vasco, al fianco del quale Daniele resterà per undici anni, anche dopo il distacco fra la Steve Rogers Band e il rocker di Zocca. Nei tour “Fronte del palco” e “Rock sotto l’assedio” – momenti che hanno fatto la storia della musica italiana – lui c’è. Poi altri ingaggi, esperienze, collaborazioni e tournée. Oggi Tedeschi continua a essere un punto di riferimento per tanti batteristi, e la sua storia meritava di essere scritta e conosciuta. Attraverso aneddoti, racconti e curiosità, questo libro disegna il percorso di un uomo che ha dedicato la sua vita alla musica, vivendo sempre in bilico tra grancassa e rullante.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome