Quella volta che Ozzy Osbourne tentò di uccidere sua moglie

0
Ozzy Osbourne

Che Ozzy Osbourne sia folle è ormai un fatto acclarato: pochi però sono a conoscenza di quando Ozzy, principe delle tenebre, voce dei Black Sabbath, tentò di uccidere la moglie Sharon. Avveniva esattamente 29 anni fa, e visto che la coppia, nonostante tutto, ancora è in piedi (non sappiamo come) sicuramente è un anniversario da ricordare.

Siamo nel 1989: la carriera solista di Ozzy, cacciato 10 anni prima dai Sabbath, procede piuttosto bene tra tour, collaborazioni musicali, alterne fortune: dopo il No Rest for the Wicked Tour che lo vede impegnato per gran parte dell’annoil 12 agosto partecipa al Moscow Music Peace Festival, festival che vuole promuovere e la pace e la distensione internazionale tra U.S.A. e U.R.S.S.

Qualche settimana dopo, a pochi mesi dalla fine della guerra fredda, il 2 settembre 1989, Ozzy compie un atto molto violento: in un momento di pura follia, per poco non uccide sua moglie. Questo il ricordo di Sharon, intervistata da Barbara Walters sulla ABC.

«Stavo leggendo al piano di sotto. Ozzy scese in mutande. Mi disse: “Noi abbiamo preso una decisione”. E io gli risposi: “Noi chi?”. E Ozzy: “Tu devi morire”. Poi si avventò su di me, mi gettò a terra e tentò di strangolarmi. Ma poi se ne andò. C’era una luce strana nei suoi occhi. Se ne era andato. Non era Ozzy».

Immagine correlata

Una scelta folle e del tutto casuale, visto che prima non c’erano state liti. Sicuramente non l’unico di una lunga serie di episodi che fanno di Ozzy un pazzo proverbiale. Dopo l’accaduto Osbourne viene arrestato con l’accusa di tentato omicidio: i medici consigliano a Sharon la separazione.

Sharon, in un‘intervista riportata dal The Guardian, ricorda così quel folle giorno: «Ho chiamato la polizia, e loro lo hanno rinchiuso. Non ho fatto pressioni, ma è andato in riabilitazione per tre mesi, era completamente pazzo, con tutte le bevande e le droghe che stava assumendo… Ebbene, queste cose accadono».

Ozzy anni prima sosteneva di essere posseduto da uno spirito, come ricorda in un’intervista a Hit Parader del 1984: «Vorrei realmente sapere perché ho fatto alcune cose negli anni passati. Qualche volta penso di essere stato posseduto da uno spirito esterno. Alcuni anni fa, ero convinto di essere realmente posseduto dal diavolo. Ricordo di aver visto una dozzina di volte il film L’Esorcista dicendo a me stesso: “Sì, potrebbe essere così”»

Non sappiamo quale spirito sia intervenuto: sicuramente lo spirito, inteso come alcool disinfettante, potrebbe essere la cosa che più ci aiuta a spiegare il tentato strangolamento: nell’episodio incriminato, infatti, pare che avesse bevuto ben 4 bottiglie di Vodka.

Ozzy sostiene di non ricordare esattamente cosa successe quel giorno. Quello con Sharon è un matrimonio turbolento e burrascoso, che però, nonostante tutto, li vede insieme, tra continue tensioni e allontanamenti, dal 1982.  Un amore, sarebbe il caso di dire, infernale.

Del resto Ozzy Osbourne non è nuovo a queste autentiche follie, divenute vere e proprie leggende. Ma lo sappiamo: a uno come lui gli si perdona tutto, forse anche troppo.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome