Addio Scimone, divulgatore di grande musica

0
I Solisti Veneti

Claudio Scimone è morto oggi a Padova a 83 anni. Direttore d’orchestra, pluripremiato fondatore dei Solisti Veneti, già docente e direttore per 27 anni del Conservatorio Pollini di Padova, era una delle figure più note nel mondo della musica classica e del barocco dopo aver fondato nel  1959 e portato in giro per il mondo la sua orchestra, tenendo oltre seimila concerti, incidendo 350 dischi, ospitando i principali e più diversi solisti e cantanti.  Persona schietta, ironica, aperta ai giovani, era riuscito a ospitare nello stesso cartellone due figure opposte come Uto Ughi e Giovanni Allevi e a introdurre Lucio Dalla alla musica colta, Nel 1970 aveva accettato la proposta di Vittorio Salvetti di partecipare al Festivalbar con i Solisti Veneti vincendo la serie classica Oro con il “Concerto per due mandolini” di Vivaldi che raccolse 365mila voti nei jukebox dal pubblico giovane.

Qui un sentito ricordo personale:

Scimone, il direttore che portò Vivaldi nei jukebox

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Giò Alajmo
Giò Alajmo ha la stessa età del rock'n'roll. Per 40 anni (1975/2015) è stato il giornalista musicale del principale quotidiano del Nordest, oltre a collaborare saltuariamente con Radio Rai, Ciao 2001, radio private e riviste di settore. Musicalmente onnivoro, è stato tra gli ideatori del Premio della Critica al Festival di Sanremo e ha scritto libri, piccole opere teatrali, e qualche migliaio di interviste e recensioni di dischi e concerti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome