Buon compleanno Stefano D’Orazio!

1
Stefano D'Orazio
©Riccardo Medana

Stefano D’Orazio spegne oggi 70 candeline e per celebrarlo abbiamo selezionato 9 canzoni del suo repertorio e un libro. Batterista dei Pooh, paroliere, autore e scrittore, D’Orazio passa buona parte della sua vita dietro ai “tamburi” per dedicarsi poi al mondo dei Musical. Entra nella band l’8 settembre 1971  a seguito della decisione di Valerio Negrini di lasciare il gruppo e occuparsi d’ora in poi solo della scrittura dei testi dei brani. Da Negrini eredita anche  l’interpretazione del brano Tutto alle tre, lato B del 45 giri contente la celebre Tanta voglia di lei, che canterà nei tour successivi.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Debutta come paroliere nel 1975, quando in occasione dell’uscita dell’album Un po’ del nostro tempo migliore, tra i lavori meglio riusciti al gruppo, firma il brano Eleonora, mia madre.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

L’anno successivo vede il suo esordio anche come cantante solista, quando interpreta il brano Fare, Sfare, Dire, Indovinare, quarta traccia dell’album Poohlover, dove canta la prima strofa. Ma Stefano D’Orazio deve aspettare il 1985 per interpretare interamente una canzone. Se c’è un posto nel tuo cuore, brano che porta la sua firma e che ottiene un ottimo successo, diventa anche siglia del programma Il processo del lunedì.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Tra i pezzi più celebri che vedono la sua firma ci sono indubbiamente Pronto, buongiono è la sveglia e i due brani autobiografici La ragazza con gli occhi di sole e 50 primavere.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Dimmi di sì è uno degli ultimi successi scritti e interpretati da Stefano D’Orazio, prima di lasciare il gruppo nel 2009.

Dopo più di 40 anni di successi il batterista abbandona i Pooh ma non la parola scritta: si dedica ai musical e scrive di suo pugno un’autobiografia. No, non è scritta a quattro mani con il supporto di giornalisti/scrittori; sì, un’autobiografia vera, diretta, senza fronzoli; sì, è anche abbastanza corposa. Confesso che ho stonato sono 400 pagine che riescono ad intrattenere il lettore, mettendo in mostra tutte le abilità del D’Orazio scrittore. Aneddoti, punti di vista, retroscena e alcune pillole di vita che mettono a nudo la figura del più enigmatico dei Pooh.

stefano d'orazio cover libro

Stefano D’Orazio firma gli ultimi brani per i Pooh nel 2016, quando la band decide di celebrare i 50 anni di attività per ritirarsi poi definitivamente dalle scene. La reunion vede tornare dietro la batteria Stefano D’Orazio e alle voce Riccardo Fogli, grande assente dal 1973. Ancora una canzone diventa così nuovo singolo, inno del tour cinquantennale e siglia di chiusura di tutti i live di quell’anno.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Cosa bolle oggi nella pentola di Stefano D’Orazio non ci è dato saperlo, ma nel frattempo il prossimo 20 settembre uscirà il suo nuovo libro dal titolo Non mi sposerò mai.

Ah, quasi dimenticavo… Buon compleanno SDO!

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome