Roma Videoclip 2018: abbracci di Cinema e note

Nella capitale va in scena la sedicesima edizione del premio dedicato ai protagonisti - cantanti, registi e direttori della fotografia - dei video musicali più belli dell'anno.

0

Si è svolta ieri a Roma l’edizione 2018 del premio Roma Videoclip 2018 – Il Cinema incontra la Musica, rassegna ideata e diretta da Francesca Piggianelli che celebra i più riusciti matrimoni tra note e Settima Arte nella forma di videoclip che, spesso, non solo danno corpo e respiro alle parole delle canzoni, ma si trasformano in metaracconto, facendo della canzone la colonna sonora di una narrazione che di essa conserva l’anima indossando però abiti e sfumature emotive differenti, talvolta persino più suggestivi.

«L’obiettivo della rassegna — afferma la Piggianelli — è quello di rendere omaggio al connubio tra cinema e musica e di valorizzare il genere del videoclip, che rappresenta una forma di arte espressiva, a tutti gli effetti un micro film». E il luogo presso il quale celebrare una così sublime combinazione non poteva che essere un universo che di mondi immaginari resi eterni dalle storie e dai volti che li hanno animati ne ha ospitati tanti: il Teatro Fellini di Cinecittà, il più grande set di posa d’Europa, intitolato al regista romagnolo —  che qui ha girato quasi tutti i suoi film — nel 2014.

Tra i protagonisti della rassegna, Ron ha ricevuto, oltre al riconoscimento per Almeno pensami, anche un premio alla carriera, consegnatogli lo scorso 22 ottobre in occasione della presentazione della kermesse alla stampa; premio speciale per i 10 anni di carriera anche  ad Alessandra Amoroso, eletta Artista Femminile dell’Anno. Tre gli awards per Fabrizio Moro: quello per il videoclip del pluripremiato brano vincitore del Festival di Sanremo in coppia con Ermal Meta, Non Mi Avete Fatto Niente (i diritti d’autore del pezzo, lo ricordiamo, sono stati interamente ceduti dai due artisti a Emergency, la nobile ONG fondata da Gino Strada: qui il nostro racconto della festa-concerto di Trento nel corso della quale è stata ufficializzata la preziosa donazione), potente e intenso flusso visivo di dolore e rabbia, di redenzione e speranza, di terrore e resilienza diretto con magistrale classe ed estrema fedeltà allo spirito della canzone da Michele Placido (per la prima volta alle prese con la realizzazione di un video musicale) con la direzione della fotografia affidata al suo storico collaboratore Arnaldo Catinari, è stato ritirato insieme al regista; a esso si è poi aggiunta una targa speciale, valsa a certificare anche il titolo di Artista Maschile dell’Anno, per L’Eternità (Il Mio Quartiere), altro fortunato featuring di Moro con il giovane collega romano Ultimo, vincitore della Sezione Giovani a Sanremo 2018 che con lui condivide quartiere di provenienza (San Basilio), ma anche percorso artistico e affinità stilistico-creative.

La rassegna è stata realizzata in collaborazione con Luce Cinecittà, con il Patrocinio di Regione Lazio e Mibac – Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il supporto di Roma Lazio Film Commission, Cinecittà Panalight, Sagevan ed Equilibra.

TUTTI I PREMIATI DI IERI:

ERMAL META e FABRIZIO MORO, Non Mi Avete Fatto Niente, regia di Michele Placido e Arnaldo Catinari

FABRIZIO MORO feat. ULTIMO, L’Eternità (Il Mio Quartiere), regia di Trilathera

TIROMANCINO feat. ALESSANDRO AMOROSO, Due Destini, con la partecipazione di Marco Giallini, regia di Antonio Usbergo e Niccolò Celaia

TIROMANCINO, Noi Casomai, con la partecipazione di Giglia Marra, Francesco Montanari, Riccardo De Filippis, Virgilio Olivari, regia di Federico Zampaglione

LUCA BARBAROSSA, La Dieta, con la partecipazione di Anna Foglietta e Marco Giallini, regia di Paolo Genovese

RON, Almeno Pensami,  regia di Gianluca Calu Montesano

LUNA VINCENTI, Mille Anni Luce, con la partecipazione di Giulio Berruti, regia di Luisa Carcavale

MARCONDIRO, Ammore Vero, con la partecipazione di Stefano Fresi, regia di Marcondiro

LA SCELTA, Argilla, con la partecipazione di Mirko Frezza e Milena Mancini,regia di Matteo Casilli e Giorgio Varano

PIOTTA, Solo per Noi, regia di Glauco Citati

LE VIBRAZIONI, Così Sbagliato, tratto dal film Drive Me Home con Vinicio Marchioni e Marco D’Amore, regia di Simone Catania

ANTONIO DIODATO e ROY PACI, Adesso, con la partecipazione di Giorgio Colangeli, Antonia Liskova e Francesco Montanari, tratto dal cortometraggio La Notte Prima di Annamaria Liguori

Sezione Indie:

Premio del pubblico: Eternal Ride Of A Heartful Mind, di Piqued Jacks
Premio Stampa: Spero, di Phellow
Premio Direzione Rivelazione: Out Of The City!, di Keemosabe
Premio Branca: I Mali Che Non Vuoi, di Giuliano Crupi

Menzioni Speciali per il Sociale:
La Tesi Del Coraggio, di Inigo
La Strada è Di Tutti, di Giorgio Baldari
Vita Ad Occhi Aperti, di Walter Piva

Qui la ricca galleria fotografica dell’evento firmata Claudia D’Acunzo.

Chiara RiPers
Classe ’83, nerd orgogliosa e convinta, sono laureata con lode in ingegneria dei sogni rumorosi ed eccessivi, ma con specializzazione in realismologia e contatto col suolo. Scrivo di spettacolo da sempre, in italiano e in inglese, e da sempre cerco di capirne un po’ di più sulla vita e i suoi arzigogoli guardandola attraverso il prisma delle creazioni artistiche di chi ha uno straordinario talento nel raccontarla con sincerità, poesia e autentica passione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome