ArteKino, il festival di cinema europeo ondemand a Milano

Da venerdì 14 a domenica 16 dicembre 2018 al Wanted Clan via Vannucci, 13, la 3° edizione del festival in streaming del cinema indipendente europeo organizzato dal canale Arte in collaborazione con la piattaforma Festival Scope

0
Foto film Flemish Heaven

Sette titoli in anteprima italiana tra i più originali dell’ anno che spesso non riescono ad arrivare nelle sale

Ad aprire il programma della manifestazione sarà il documentario francese Flesh Memory di Jacky Goldberg (venerdì 14 dicembre alle ore 21.30), storia di Finley Blake, una camgirl che si guadagna da vivere esibendosi in performance erotiche davanti alla sua webcam. Scampata a un cancro e separata da un marito che non approva la sua professione, Finley cerca di ottenere la custodia del figlio. A seguire la proiezione di For Some Inexplicable Reason dell’ungherese Gabor Reisz (sabato 15 ore 19,15), storia di Aron, un trentenne appena laureato lasciato dalla sua ragazza e che deve sopportare anche dei genitori opprimenti. Dopo una notte di bagordi per festeggiare il compleanno, Aron si risveglia in possesso di un biglietto di sola andata per Lisbona e, in barba a tutto e tutti, decide di usarlo per andare incontro all’ignoto.  La pellicola successiva è Il Cratere di Lucia Luzzi e Luca Bellino (sabato 15 ore 21) incentrato su Rosario, un venditore ambulante dei luna park della periferia di Napoli. Il suo sogno di sfuggire alla miseria sembra trovare una risposta nel talento musicale della figlia Sharon di cui diventa manager. Viene invece dalla Gran Bretagna Pin Cushion della regista Deborah Haywood (sabato 15 ore 22,45), protagoniste due donne, Lyn e la figlia Iona, profondamente legate tra loro. Quando Iona riesce ad inserirsi nel gruppo delle ragazze leader della nuova scuola, Lyn ne soffre un po’ perché le sembra di aver cominciato a perderla. Il programma prosegue con  L’animale della regista austriaca Katharina Mückstein (domenica 16 ore 18,15) racconto di formazione incentrato su Mati, una diciassettenne abitante nel cuore della campagna austriaca che stringe amicizia con Carla, una delle vittime di una gang di ragazzi del luogo di cui anche lei fa parte.  Poi tocca a Flemish Heaven del belga Peter Monsaert (domenica 16 ore 20,00), uno sguardo sulla vita di tre generazioni di donne, Monique e la figlia Sylvie che gestiscono un bordello al confine tra le Fiandre occidentali e la Francia. La rassegna si chiude con Those Who Are Fine di Cyril Schäublin (domenica 16 ore 22,00), storia di Alice, operatrice di un call center nella periferia di Zurigo incaricata di vendere abbonamenti internet e prodotti assicurativi agli sconosciuti che rispondono al telefono. Il film esplora luoghi e persone di Zurigo misteriosamente collegati con le azioni di Alice.

 

 

 

 

 

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome