L’ istrionico Charles Laughton

Dall' 8 al 19 gennaio 2019 presso il MIC - Museo Interattivo del Cinema, Fondazione Cineteca Italiana Milano, un omaggio di tredici film interpretati dal grande attore britannico protagonista di molteplici capolavori amati dal grande pubblico

0
Marlene Dietrich e Charles Laughton nel film testimone d' accusa

La rassegna propone anche la sua unica regia La morte corre sul fiume del 1955 con un insuperabile Robert Mitchum

Corpulento e massiccio, con un viso capace di assumere mille espressioni diverse, Charles Laughton, nato a Scarborough in Gran Bretagna il 1° luglio 1899, dopo aver combattuto nella prima guerra mondiale studia recitazione alla Royal Academy of Dramatic e già nel 1929, forte di una robusta esperienza sul palcoscenico (Gogol, Cechov, Shakespeare), debutta davanti alla macchina da presa in diverse produzioni. Nel 1933 attraversa l’oceano per arrivare ad Hollywood dove si mette in mostra per il suo talento sotto la guida di Alexander Korda nel ruolo del libertino re d’ Inghilterra nel film Le sei mogli di Enrico VIII (sabato 18 gennaio ore 15) con cui vince l’Oscar per la migliore interpretazione. Nel 1935  è memorabile nei panni del crudele comandante Bligh di La tragedia del Bounty (venerdì 18 gennaio ore 17,30) e nel 1939 è Quasimodo, il campanaro gobbo e deforme innamorato della bella zingara Esmeralda di Notre Dame  (mercoledì 9 gennaio ore 17) diretto da William Dieterle e  tratto dal noto romanzo di Victor Hugo. Nello stesso anno l’attore è sul set di La taverna della Giamaica (giovedì 17 gennaio ore 15) di Alfred Hitchcock, ancora ispirato a un altro romanzo,Jamaica Inn di Daphne Du Maurier ambientato nella Cornovaglia della fine del Settecento e nel 1943 è commovente nei panni di un professore che incita i suoi allievi a lottare contro la tirannide nazista in Questa terra è mia (martedì 15 gennaio ore 15) di Jean Renoir. Nel 1946 con La commedia è finita (mercoledì 9 gennaio ore 15) di Richard Wallace, l’attore si disimpegna in una pellicola divertente e brillante, mentre nel 1947 è ancora al servizio di Hitchcock per Il caso Paradine (venerdì 11 gennaio ore 17) con Gregory Peck e Alida Valli. Due anni dopo è la volta di L’ uomo della Torre Eiffel (venerdì 11 gennaio ore 15) con la regia di Burgess Meredith. Qui indossa i panni del mitico commissario Maigret alle prese con un imbroglio delittuoso da rivolvere. Nel 1957 in Testimone d’ accusa (sabato 12 gennaio ore 17) di Billy Wilder, è un astuto avvocato, Sir Wilfrid Roberts difensore di un uomo, Leonard Stephen Vole (Tyrone Power) accusato di aver ucciso una ricca vedova, ma che sarà scagionato dalla deposizione della moglie Christine Helm (Marlene Dietrich). Due anni prima però Laughton si è tolto lo sfizio di stare dietro la macchina da presa per La morte corre sul fiume  (martedì 8 gennaio ore 17), un’opera nera e fantastica di grande valore incentrata su di un predicatore evangelico (Robert Mitchum) uscito di galera e impegnato a scoprire il nascondiglio nel quale sono nascosti i 10.000 dollari frutto di una rapina. Nella sua eccezionale carriera  ancora due ottime performance, il ricco romano di Spartacus (mercoledì 16 gennaio ore 16) del 1960 di Stanley Kubrick con Kirk Douglas e Jean Simmons e il politico corrotto di Tempesta su Washington  (giovedì 10 gennaio ore 17) del 1962 di Otto Preminger, la sua ultima interpretazione prima della morte avvenuta ad Hollywood il 15 dicembre 1962.

 

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome