Una notte di 12 anni

I 4323 giorni di detenzione sperimentale di tre tupamaros nell'Uruguay della dittatura

0

Una notte di 12 anni
di Álvaro Brechner
con Antonio de la Torre, Chino Darín, Alfonso Tort, Soledad Villamil,
Sílvia Pérez Cruz.
Voto:  bello e terribile

Tre tupamaros presi dal governo militare in Uruguay nel 1974 invece di essere torturati per avere informazioni e forse uccisi, sperimentano una nuova forma di repressione: carcere durissimo in celle di isolamento ricavate  da spazi assurdi, in luoghi sconosciuti, con spostamenti a rotazione per annullare qualsiasi riferimento al tempo, allo spazio, alla riconoscibilità dei luoghi. Non è più una strategia repressiva “utile”: è un esperimento per annullare, fare impazzire. Nelle pieghe di questo meccanismo si insinuano, come nella tradizione del cinema carcerario, piccole schegge di normalità: stupidità burocratiche dei regolamenti (come far pisciare un prigioniero ammanettato troppo in alto a norma di regolamento), piccole promiscuità tra carcerieri analfabeti e carcerati poeti per scrivere lettere d’amore, suoni e rumori che passano i muri, allucinazioni che prendono forma nella solitudine. Una notte di 4323 giorni fino al ritorno alla normalità.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome