Weekend al cinema: arriva “La favorita”, dieci candidature all’Oscar

0
La favorita

Due film che aspirano ad un ruolo da protagonista alla notte degli Oscar, tre commedie, l’ennesimo capitolo della saga di Rocky e la storia di uno dei più crudeli gerarchi nazisti: questo offre il weekend, a livello di novità, agli appassionati di cinema.

La favorita di Yorgos Lanthimos ha raccolto la bellezza di dieci candidature all’Oscar, tra le quali quelle per il miglior film e la migliore regia. Ambientato nei primi anni del XVIII secolo, racconta le manovre di due cugine per diventare la favorita della regina Anna, mentre il Regno Unito è in guerra con la Francia. Tre attrici del film sono candidate all’Oscar: Olivia Colman come protagonista, Emma Stone e Rachel Weisz come non protagoniste.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Se la strada potesse parlare di Barry Jenkins (già regista di Moonlight, film premio Oscar nel 2017) è l’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo del 1974 di James Baldwin. Racconta la storia di due giovani fidanzati a New York: lei è incinta, lui viene accusato di un crimine che non ha commesso ed arrestato. Il film è candidato a tre Oscar.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Nel weekend che precede il Giorno della Memoria arriva nelle sale L’uomo dal cuore di ferro di Cédric Jimenez, incentrato sulla storia vera di uno dei più feroci gerarchi del Terzo Reich, Reinhard Heydrich. Al centro della trama c’è in particolare l’operazione organizzata dalla resistenza cecoslovacca nel tentativo di assassinarlo. L’attore principale è Jason Clarke.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Decisamente più leggero è Ricomincio da me di Peter Segal, commedia con Jennifer Lopez e Vanessa Hudgens. La trama non è particolarmente originale: una quarantenne insoddisfatta falsifica le proprie generalità e viene assunta da una prestigiosa azienda di cosmetici. Riuscirà a fare carriera, ma dovrà anche impegnarsi per non far scoprire la sua vera identità.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Il figlio di Apollo Creed contro il figlio di Ivan Drago. Con Rocky all’angolo, ovviamente, del primo. In estrema sintesi, e forse non serve aggiungere molto altro, è questa la trama di Creed II di Steven Caple Jr., sequel di Creed – Nato per combattere e secondo spin-off della saga di Rocky. L’effetto nostalgia è garantito dalla presenza, nel cast, di Sylvester Stallone e Dolph Lundgren.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Non esiste weekend senza una nuova commedia italiana. Conferma la regola Compromessi sposi di Francesco Miccichè, con Vincenzo Salemme e Diego Abatantuono. Anche in questo caso la trama non appare particolarmente originale: una giovane fashion blogger ed un aspirante cantautore si innamorano e decidono di sposarsi, ma i due suoceri si detestano a prima vista e con ogni stratagemma cercano di impedire il matrimonio dei rispettivi figli.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Anche Il mio Capolavoro di Gastón Duprat è una commedia, ma in questo caso la produzione è per metà argentina e per l’altra metà spagnola. Ambientata a Buenos Aires, la storia ha per protagonisti un gallerista d’arte ed un artista in declino che perde la memoria a seguito di un incidente. Il gallerista cercherà di sfruttare la situazione per tornare sulla cresta dell’onda.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome