Claudio Baglioni è l’artista del mese di febbraio

0
©_ANGELO_TRANI

Scrivere un pezzo che possa presentare Claudio Baglioni può essere molto semplice oppure molto difficile.

Semplice perchè una carriera come quella di Claudio è rara, e la quantità di canzoni di successo che ha cantato in 50 anni è enorme. Dall’altra, è talemente famoso e vicino al vasto pubblico che tutto risulta superfluo.

Nato a Roma il 16 maggio 1951, il “dirottatore artistico “del Festival di Sanremo ha raggiunto negli anni il successo grazie a vari cambi di stile che gli hanno permesso di abbracciare più di una generazione. Figlio di un maresciallo dei carabinieri e di una sarta, il giovanissimo Claudio inizia a suonare alla chitarra le canzoni di Fabrizio De Andrè. I brani di successo di Baglioni non si contano, e “Questo piccolo grande amore” del 1972 é solo la consacrazione di una carriera che non vede battute di arresto e colleziona sold out ad ogni tour coinvolgendo anche i più giovani.  Non nuovo ad esperienze televisive ( storico il programma “Anima mia” del 1997 con Fabio Fazio), Baglioni é ancora adesso uno degli artisti più amati anche all’estero e soprattutto in Spagna.

Claudio ha spesso utilizzato la sua notorietà per cause extra musicali come gli eventi di Lampedusa e ha espresso opinioni forti anche sulle ultime delicate questioni relative all’immigrazione, che hanno creato non poche polemiche.

Fra pochi giorni inizia il Festival di Sanremo e le polemiche non sono di certo mancate anche qui (conflitto di interessi docet) ma non sarebbe Sanremo senza gli innumerevoli servizi – scoop- notizie rubate che la faranno da padrone la prossima settimana.

Noi di Spettakolo seguiremo tutto a modo nostro, fra chi “io quest’ anno non lo guardo” ma poi sa tutto e chi “bello, ma con Pippo Baudo era un’altra cosa “.

Per mettere tutti d’accordo, almeno pochi minuti, ci pensa la musica (forse).

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome