Mahmood e il suo Marocco-pop. Ultimo dice che i giornalisti hanno rotto il c…

3
Mahmood

Ai primi due posti finiscono due giovani, Mahmood, 26 anni, e Ultimo, 23. Non potrebbero essere due personalità più diverse. Mahmood ringrazia tutti, a cominciare dai suoi collaboratori Dardust (Dario Faini) e Charlie Charles. Ultimo sbrocca alla grande e rivolto ai giornalisti dice testualmente: «Avete rotto il cazzo, anche perché voi esistete solo questa settimana, mentre io ho un pubblico che mi ama e viene ai miei concerti». Sull’esistere solo questa settimana, personalmente, mi permetto di dissentire… ma non vorrei trasformare la sua pessima uscita in un pretesto per polemizzare con un cantante agli inizi che ha ancora tanto da dimostrare e che a Sanremo ha portato una canzone peggiore rispetto ad altre incise precedentemente. Magari chi lo segue anziché montargli la testa dovrebbe insegnargli come stare al mondo.

Tutt’altra cosa Mahmood, persona deliziosa, niente affatto montato. Racconta: «Onestamente non mi sono reso conto che l’attenzione mediatica stava crescendo rapidamente. Subito dopo Sanremo Giovani mi sono messo a lavorare sia per ultimare il brano che ho portato al Festival, che allora era soltanto un provino, sia per scrivere nuove canzoni per l’album che pubblicherò il primo marzo».

A chi tenta di innescare una polemica, considerate le sue origini mezzosangue, risponde tranquillo: «Io sono e mi sento italiano al cento per cento. È vero che mio padre è egiziano (mamma invece è sarda di Orosei), ma io sono nato in Italia e sono cresciuto a Milano, dove ci sono tutti i miei amici».

Quando gli si chiede che musica ascolta, butta là una definizione bizzarra: «Dico sempre che faccio un genere che chiamo “Marocco pop”. Nella mia musica c’è un po’ di tutto, incluse influenze arabe. E ascolto davvero di tutto, dal rap alla trap, dall’indie ai cantautori alla musi a americana».

Qui di seguito una videointervista con Mahmood realizzata nel tardo pomeriggio di sabato:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Molto contenti del piazzamento (terzi) anche i ragazzi de Il Volo. Che dicono: «Siamo venuti qui senza grandi aspettative. Siamo contenti del fatto che l’età media di tutti i finalisti sia piuttosto bassa. E ci fa piacere che abbia vinto Mahmood, anche perché in comune abbiamo un collaboratore, che è pure un grande amico, Dardust».

Un grande signore, infine, Daniele Silvestri, che ha fatto incetta di premi “collaterali” (ma di assoluto prestigio: Premio della critica, Sala stampa Lucio Dalla e “Sergio Bardotti” (assegnato dalla Giuria d’onore) per il miglior testo. «La prima parola che mi viene da dire è “grazie”, ed è un grazie sincero. Quando lavori tanto attorno a un progetto e i risultati arrivano, non puoi che essere felice».

Caro Ultimo, visto che abiti a Roma come Daniele Silvestri, cerca di frequentarlo un po’. Magari ti insegna a stare al mondo.

(Clicca qui per leggere la classifica completa di Sanremo 2019)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Massimo Poggini
Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino) e "Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi". Ultimo libro uscito: "Massimo Riva vive!", scritto con Claudia Riva.

3 COMMENTI

  1. Ma che strano io ho letto diversi articoli sulle dichiarazioni di Ultimo e sono ben diverse da quanto scritto qui!!!! Lo hanno incalzato cercando lo scoop analizzando criticando ogni sua parola fino a farlo sbloccare!! Tanto qualunque cosa avesse detto non sarebbe andata bene. E ha concluso dicendo che anche se non ha vinto Sanremo, la sua vittoria è la gente che lo segue ai live! Ma in questo articolo le sue dichiarazioni risultano tutt’altro!! E i finti consigli paternali a fine articolo??? Che tristezza! La gente non è stupida non pensate di poterla dare a bere così! Non avete questo potere.

  2. Avrei voluto vedere voi al posto di Ultimo… favorito da tutti,straccia Mamhood al televoto ma poi perde lo stesso,provocato inoltre dai giornalisti,spesso molto invadenti. Mentre Mahmood è ovvio che sia al settimo cielo per la vittoria e quindi gentile con tutti… dipende dal punto di vista.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome