Gher e l’universo urban che sta rinnovando la musica italiana

0
Gher

Basta andare in discoteca per accorgersene: l’apice del divertimento, l’unico momento in cui l’emozione diventa palpabile è quando il ritmo rallenta un attimo e partono le canzoni urban in italiano.

Quando il dj mette su un certo tipo di sound, quello che passa a Sfera Ebbasta a Capo Plaza, da Fabri Fibra alla Dark Polo Gang, quello che va da Loredana Berté con i Boomdabash e arriva a tutto ciò che fa Baby K (…), chi è sul dancefloor comincia ad abbracciarsi o a cantare, mentre continua a ballare.

Non capita con il nuovo singolo di David Guetta, non capita con il beat perfetto di Calvin Harris Gher e solo in certi casi succede con i vecchi successi anni ’90 – 2000. Quando invece si sente forte il ritmo della nuova scena urban italiana, il dj sa che può rilassarsi, perché per qualche minuto ballano più o meno tutti.

Tra le nuove star di questo tipo di sonorità, che non è solo hip hop e non è solo reggaeton, ma è un mix vincente di pop e tutto che in qualche modo ha ritmi black e sincopati, c’è senz’altro Mahmood, Fresco vincitore di Sanremo, come Baby K, pure lui non rappa, ma dopo aver studiato con profitto al CPM di Milano, si è creato un modo di cantare decisamente internazionale e originale, in cui in qualche modo si sentono anche le origini Nordafricane della sua famiglia (l’uso del falsetto, la capacità di dare “swing”, ovvero di far respirare la melodia…).

Tra i nuovi talenti invece fa piacere poter segnalare l’esordio di Gher, che su Touch Down Records (la label di Level Up, agenzia che collabora tra l’altro con MC importanti come Emis Killa e Vacca) per San Valentino pubblica “Don’t Stop“. E’ un brano decisamente urban, in cui ritmo hip hop e melodia si sentono forte. Calabrese, 25enne, Gher vive da tempo a Milano e ha alle spalle diverse esperienze musicali. Con il suo vero nome, Margherita D’Aguì, è ormai una dj girl affermata nella scena elettronica. Suona spesso in locali importanti come l’Egg di Londra e l’Amnesia di Milano. Come cantante invece ha raggiunto la semifinale del Festival di Castrocaro e partecipato pure ad Amici di Maria de Filippi, nel 2014.

L’esperienza in tv, nonostante gli ottimi risultati (arrivò a indossare la maglia della Sfida), non fu facile, ma un’artista fa sempre tesoro di tutto e poi lo riversa nelle sue canzoni. “Il testo della canzone l’ho scritto raccontando la mia storia, la mia rinascita”, racconta Gher. “Non smettere mai, inseguire i propri sogni. Il mondo della musica non è facile, ma fermarsi non è mai giusto”.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Giornalista & comunicatore (o viceversa), Lorenzo Tiezzi sta online più o meno tutto il giorno. Il sito della sua agenzia è www.lorenzotiezzi.it, il suo clubbing blog AllaDiscoteca.com. All'attività di comunicatore affianca quella di giornalista freelance. Scrive di tendenze, musica, nightlife, ovvero, riassumendo all’osso, di amenità. Fiorentino, classe ‘72, si è laureato in Dams Musica nel 1996. Prima di dedicarsi a giornalismo e comunicazione ha lavorato in tv come coautore e curatore (Tmc2, Mtv) e in teatro come direttore di palco. Appassionato di arte, vino e sport, nel novembre 2013 ha corso la sua prima maratona e punta tutto su un tempo improbabile (3h e 30’’).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome