Skam: un fenomeno di internet che ha rapito gli adolescenti

0

È diventato praticamente un fenomeno globale. È probabilmente una delle webserie più viste degli ultimi tempi e il fatto che non compaia su piattaforme come Netflix o simili rende il tutto ancora più interessante. Stiamo parlando di Skam webserie norvegese nata nel 2015 dall’idea di Julie Andem che sta spopolando in vari Paesi con i remake.

La trama, anche abbastanza semplice, è il del racconto della vita di un gruppo di liceali, nella versione originale iscritti alla Hartvig Nissen School di Oslo, dal punto di vista di quattro dei protagonisti, e tratta delle tematiche attuali (le difficoltà relazionali, gli abusi sessuali, l’omosessualità e sulla religione islamica) in modo decisamente innovativo.

La modalità della messa in onda è forse una delle cose più interessanti di questa serie: non solo le puntate vengono pubblicate attraverso clip di pochi minuti che appaiono quotidianamente sulle piattaforme che ospitano la messa in onda, ma il pubblico può anche leggere conversazioni o post sui social  dei personaggi che vengono aggiornati come se si trattasse di profili reali. In più ogni clip viene pubblicata nell’ora e nel giorno preciso in cui è ambientata, rendendo il racconto coinvolgente sotto tutti i punti di vista, perché chi guarda si trova a vivere le vicende dei personaggi come se fossero in contemporanea. Questo format un po’ particolare ha certamente contribuito ad accrescere il successo della serie, non solo per l’innovazione portata per quanto riguarda la messa in onda ma anche perché lo spettatore si sente parte integrante delle vicende che accadono sullo schermo, non è più quindi uno spettatore passivo che aspetta il giorno e l’ora precisa per vedere una puntata della sua serie preferita, ma è sempre in attesa di un aggiornamento che non necessariamente è una clip.

Nicholas Zerbini (Luca), Ludovico Tersigni (Giovanni), Federico Cesari (Martino) e Francesco Centorame (Elia) in una scena della serie italiana.

Si tratta di una (o tante) serie che finalmente racconta gli adolescenti attraverso gli occhi degli adolescenti, cercando di creare un’immagine reale della loro rappresentazione del mondo. Non è il classico dramma adolescenziale o la classica storia di bad boy che si convertono a bravi ragazzi nel corso di poche puntate. Ciascuno dei protagonisti ha dentro di sé luce ed ombra, come chiunque, e affronta le sue giornate facendo i conti tutti i giorni con le difficoltà che implica avere 16 anni oggi. Niente stereotipi, niente sovrastrutture, niente inutili piagnistei: un racconto crudo e onesto di una società ancora fin troppo carica di pregiudizi.

Senza ombra di dubbio, la versione migliore è quella italiana, sia dal punto di vista della recitazione dei personaggi, che dal punto di vista di riprese, montaggi e produzione delle clip.

Martina Lelio (Federica), Benedetta Gargari (Eleonora), Greta Ragusa (Silvia), Ludovica Martino (Eva) e Beatrice Bruschi (Sana) in una scena della prima stagione

Il remake italiano è stato pubblicato a partire dal 2018 per TimVision prodotto da Cross Productions. Ad oggi sono state pubblicate solo le prime due stagioni: la terza dovrebbe essere disponibile a partire dal 22 marzo.

A differenza dalla OG, la seconda stagione italiana si è concentrata su Martino Rametta (interpretato da Federico Cesari) e sul percorso che l’ha portato ad accettare la propria omosessualità, mentre la  protagonista della terza stagione sarà Eleonora Sava (interpretata da Benedetta Gargari) e racconterà le vicende legate agli abusi sessuali che la ragazza subisce.

Molti degli addicted a questa web serie hanno deciso di guardare anche gli altri remake, che fondamentalmente ripercorrono le stesse vicende ambientandole in nazioni differenti (oltre a Norvegia e Italia ci sono Spagna, Francia, Olanda, Stati Uniti, Germania e Belgio), segno che si tratti di una storia coinvolgente e che ha molta presa sugli adolescenti.

I finali non scontati, i racconti chiari e senza fronzoli sono certamente l’arma che permette a Skam di spopolare sul web in tutto il mondo o quasi: esistono fanpage delle serie esistenti e fanpage di altri paesi che sottotitolano le puntate per permettere a tutti di entrare a far parte di questo universo.

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Cristina Scarasciullo
22 anni e una grande passione per la musica, in particolare per quella italiana. Scrivere è sempre stata una necessità fin da piccolissima, così dopo la maturità scientifica ha scelto di proseguire gli studi nell'ambito della comunicazione, per coltivare il sogno di diventare giornalista. Oltre alla musica ama lo sport, il cinema e i viaggi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome