Eros Ramazzotti a Torino. Tanta musica e un messaggio per la salvaguardia del pianeta (fotogallery)

0
Eros Ramazzotti

Dopo il grande successo del doppio concerto completamente sold out di Eros Ramazzotti tenutosi all’Olympia di Monaco di Baviera e della data zero a Mantova, il cantante è approdato ieri sera al Pala Alpitour di Torino, dove ha dato inizio alla parte italiana del suo tour mondiale ed ovviamente anche qui ha fatto registrare il tutto esaurito.

Le tappe di questo lungo tour sono 90 e toccheranno 32 paesi; la produzione è stata pensata in primis per stupire oltre che per attrarre un pubblico di età ed estrazioni diverse.

Insieme ad Eros sul palco musicisti come Luca Scarpa (Direttore musicale, piano), Giovanni Boscariol (Tastiere), Giorgio Secco Christian Lavoro (Chitarra), Paolo Costa (Basso), e le tre new entry internazionali: Corey Sanchez (Chitarra), Eric Moore (Batteria) e Scott Paddock (Sassofono). Ad accompagnare la voce di Eros, sono Monica Hill e Giorgia Galassi (Cori).

Il fulcro dello spettacolo è la musica; 30 sono i brani che ripercorrono i 35 anni di carriera del cantante, regalando ai fan uno show di oltre due ore. Il concerto ha come tema principale l’auspicio di una buona vita e si apre sulle note di Vita ce n’è che vede apparire sullo sfondo l’immagine dell’albero della vita.

Il palco è una mezzaluna con uno scivolo luminescente che parte sul fondale e si ferma ai confini dello stage. È li che le emozioni scorrono perché, canzone dopo canzone, si trasforma in bosco, ghiaccio e fuoco, diventando un caleidoscopio di sensazioni.

Èuna notte per cuori forti, perché Eros Ramazzotti le corde del cuore le va proprio a toccare tutte. 

Durante lo show Eros proietta due filmati atti a sensibilizzare i propri fan per la salvaguardia del pianeta; il primo verte sulla problematica della plastica che soffoca i mari ed il secondo sui metalli pesanti, lo smog e l’aria inquinata; lo fa con eleganza, sottoponendo ai presenti dati, numeri e danni accompagnati da immagini mirate che rendono subito immediato il concetto che vuole esprimere.

Poi lo spettacolo riprende e si torna a cantare; uno dei momenti più condivisi dal pubblico è quello in cui Eros  intona Terra promessa oltre a quello in cui imbraccia la chitarra e da vita al medley Un attimo di pace /Un’emozione per sempre/Quanto amore sei. Poi i toni si fanno più caldi con I Belong to you duettato assieme all’emozionata corista Monica Hill, mentre sullo scivolo più trasformista della storia sembra ci sia una danza di cobra in amore che quando si congiungono assomigliano alla statuetta dell’Oscar.

Il concerto giunge alla fine passando da Per le strade una canzone accompagnata dal video con Luis Fonsi, mentre le luci ricordano lo skyline di una grande città americana, per poi proseguire con Se bastasse una bella canzone e Musica è; quest’ultima colorata da una moltitudine di laser che trascina tutta la platea dentro un arcobaleno.

I saluti finali giungono con il suo cavallo di battaglia, Più bella cosa, che come sempre genera fortissime emozioni tra i suoi fan. I Fan piemontesi non dovranno aspettare troppo a lungo il bis di Vita ce n’è tour, in quanto il prossimo 18 Luglio Eros tornerà alla Palazzina di Caccia di Stupinigi per un secondo live in occasione dello Stupinigi Sonic Parck.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome