Il fascino popolano di Giovanna Ralli

Dal 5 al 23 marzo 2019 al MIC – Museo Interattivo del Cinema un omaggio alla regina del cinema italiano più popolare e autentico

0
Foto Giovanna Ralli

Sarà proiettato anche un inedito, Deadfall –Passo falso mai distribuito in Italia

Romana doc nata nella capitale il 2 gennaio 1935, Giovanna Ralli fino dall’ età di sette anni recita davanti alla macchina da presa e già a quindici appare in varie produzioni, ma è costretta ad essere doppiata a causa del suo forte accento romano. Ben presto è agli ordini di registi del calibro di Rossellini, Zampa, Lattuada, Fellini. Legata sentimentalmente allo sceneggiatore Sergio Amidei, l’attrice bella e solare riesce a dare una svolta alla sua carriera vestendo in particolare i panni della popolana sexy e di buon animo grazie anche alla sua esuberante femminilità e al suo charme naturale. Nel 1953 è sul set di La nave delle donne maledette (martedì 19 ore 17,15 e sabato 23 ore 15), film in costume diretto da Raffaello Matarazzo; nel 1956 interpreta Il bigamo (sabato 23 ore 15), una commedia di Luciano Emmer e Una pelliccia di visone (giovedì 7 marzo ore 15) di Glauco Pellegrini con Paolo Stoppa. Nel ’59 è al fianco di Vittorio De Sica in un film memorabile, Il generale Della Rovere (sabato 16 ore 15), seguito l’anno dopo da Era notte a Roma (martedì 12 ore 14.45), sempre di Rossellini nel ruolo di una bella ragazza del popolo che rischia la vita per aiutare tre soldati, un americano, un inglese e un russo, costretti a nascondersi nella capitale occupata dai tedeschi.  Bravissima e deliziosa è nella parte di Anna, una giornalista di sinistra in La vita agra (martedì 5 ore 15) di Carlo Lizzani, tratto dall’ omonimo romanzo di Luciano Bianciardi con Ugo Tognazzi. Nel 1968 è chiamata in Inghilterra per girare la commedia thriller Deadfall-Passo falso di Bryan Forbes (sabato 16 ore 20,30 e martedì 19 alle ore 15), tratta dal romanzo omonimo di Desmond Cory, con Michael Caine coprotagonista con cui intreccia una breve relazione amorosa. Negli anni Settanta la Ralli si dimostra un’attrice sempre più matura soprattutto nel capolavoro di Ettore Scola C’eravamo tanto amati (venerdì 22 ore 15), dove interpreta Elide, la moglie sempliciotta dell’arrivista Gianni (Vittorio Gassman) e poi anche in teatro. Sabato 16 marzo alle ore 20,30 Giovanna Ralli sarà presente in sala per un incontro con il pubblico.

 

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome