Le foto del concerto di Cristiano De Andrè all’Alcatraz di Milano

1
Cristiano De André in concerto all'Alcatraz di Milano - 4 marzo 2019 - © Foto: Riccardo Medana

Lunedì 4 marzo 2019, tappa speciale del Storia di un impiegato tour all’Alcatraz di Milano, l’unica data in un club, fortemente voluta da Cristiano De André per avvicinare anche il pubblico più giovane alle canzoni di Faber.

Il tour è ispirato al celebre concept album di Faber, che torna così a smuovere le coscienze a 50 anni dalle rivolte sociali del 1968 e a vent’anni dalla scomparsa del suo autore (11 gennaio 1999). Il tour, iniziato a novembre 2018, sta ricevendo ottimo riscontro da parte di pubblico e critica e ha già registrato sold out nei teatri di Genova, Firenze, Parma, Roma e Rovigo, con performance accompagnate da bis e standing ovation (leggi la nostra recensione della data di Rovigo). La data di Milano è stata aperta dal set strumentale di Anna Mancini.

Le foto del concerto di Cristiano De André all’Alcatraz di Milano, 4 marzo 2019

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Riccardo Medana
Non ha ancora capito cosa farà da grande, ma per adesso ha in tasca una laurea magistrale in Ingegneria Informatica, fa lo sviluppatore Web freelance, collabora con il Politecnico di Milano e con varie società di comunicazione. Ama lavorare dietro le quinte e, in generale, "si ripete spesso che è fortunato" (cit.). Appassionato di musica, eventi e fotografia live, adora andare ai concerti e quando può si precipita sotto il palco a scattare. Si (pre)occupa della parte tecnica di Spettakolo.it (quindi se il server crolla è colpa sua). Per festeggiare i suoi 30 anni ha scritto il suo primo libro "Da ventinove a trenta" (YouCanPrint, 2018).

1 COMMENTO

  1. Una serata da ricordare! Cristiano in grandissima forma, che ha emozionato e commosso il pubblico dell’Alcatraz. Un repertorio eccezionale (ma è difficile trovare brutte canzoni di de André!) oltre al fatto che era accompagnato da una band di tutto rispetto. Chiudendo gli occhi sembrava di sentire Faber… da pelle d’oca!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome